Domenica 15 ottobre 1961 - Roma, stadio Flaminio - Lazio-Palermo 1-0


Coppa Italia 1961/62 - 2° turno.

(xxx^ ufficiale - xxx^ Coppa Italia)

Lazio: Cei, Zanetti, Eufemi, Carosi, Seghedoni, Gasperi, Prini (46' Mecozzi), Morrone, Rozzoni, Landoni, Pinti.All. Todeschini .

Palermo Mattrel, Burgnich, Sereni, Ferrazzi, Benedetti, Malavasi, Sacchella, Sardei (39' Mosca), Fernando, Maestri, Cattaneo. All. Remondini .

Arbitro: Angelini (Firenze).

Marcatori: 35' Prini.

Note: terreno con fondo bagnato. Ammoniti: Rozzoni e Burgnich. Calci d'angolo: 2 - 2 (1 - 1).

Spettatori: 14.000 con un incasso di oltre 7 milioni di lire.

Il goal di Prini

Lazio che conferma il suo buon momento piegando il Palermo con merito, seppur di misura. Biancocelesti privi di Bizzarri, infortunatosi in allenamento con il Bettini Quadraro. Al suo posto si rivede dopo diverso tempo Prini, "l'uomo di Coppa", il matchwinner della finale del 1958 con la Fiorentina. All'8' grande apertura di Carosi per Landoni che spara in corsa trovando l'acrobatica risposta di Mattrel. Rozzoni al 14' stanga a rete e il rasoterra impegna severamente il portiere siciliano. Al 35' l'episodio decisivo della contesa. Il vivacissimo Landoni crossa dal fondo: pallone raccolto da Pinti che smista per Prini che azzecca un diagonale a mezz'altezza che non dà scampo a Mattrel. Allo scadere gli ospiti si rendono pericolosi con una punizione di Fernando, concessa dopo un fallo di Gasperi. Al 47' Rozzoni spolvera la traversa. Intorno all'ora di gioco c'è lavoro per Cei che interviene sicuro sulle conclusioni di Maestri, Fernando e Malavasi. Replicano i romani con un'azione ben congegnata avviata da Seghedoni che mette Pinti a tu per tu con Mattrel che rimedia con i piedi. Ancora Pinti protagonista al 72' con un tiro alto da favorevole posizione. Sacchella si prova poi dalla media distanza, ma Cei blocca con sicurezza. Ancora Lazio sul finire del match, trascinata da un Morrone in gran forma. Mattrel è bravissimo allo scadere su bordata dell'oriundo. Lazio che passa il turno e che troverà sul suo cammino, in aprile, i cugini della Roma. Sul fronte mercato si ventila la cessione di Rozzoni che potrebbe portare, secondo il Commissario Giovannini, quei milioni necessari per alleggerire il gravoso deficit societario.