Domenica 17 ottobre 1948 - Roma, Stadio Nazionale - Roma-Lazio 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

17 ottobre 1948 - Campionato Italiano di calcio Divisione Nazionale Serie A 1948/49 - V giornata

ROMA: Risorti, Contin, Andreoli, Dell'Innocenti, Valle, Ferri, Losi, Maestrelli, Tontodonati, Venturi, Pesaola.

LAZIO: Brandolin, Antonazzi, Piacentini, Gualtieri, Todeschini, Alzani, Puccinelli, Magrini, Penzo (I), Tavellin, Bacci.

Arbitro: sig. Camiolo di Milano.

Marcatori: pt 41' Losi, st 38' Magrini.

Note: spettatori 30.000. Cielo coperto con qualche spruzzo di pioggia, terreno leggermente scivoloso. Calci d'angolo 5 a 4 per la Roma. In tribuna d'onore il Ministro dell'Interno Scelba e il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Andreotti.

L'ingresso in campo delle squadre
Il biglietto della gara

Il trentacinquesimo derby della Capitale si è concluso con un pareggio sostanzialmente giusto. La Roma ha attaccato di più, ma dal 20' del secondo tempo in campo vi è stata una sola squadra, la Lazio. La Roma per un'ora ha prevalso come gioco e per possesso del pallone, grazie ad una mediana molto mobile e organizzata di cui Valle è stato un cardine fondamentale. Rispetto al numero di azioni offensive portate, i giallorossi non hanno però saputo recare reali minacce alla porta difesa da Brandolin. Quando il reparto di centrocampo ha accusato la stanchezza e Valle è divenuto più prudente, è venuta fuori la Lazio che come qualità di gioco ha molto impressionato. L'attacco, però, non ha saputo pungere e il risultato non è variato. Nel primo tempo, al 41', Losi è saltato più in alto di tutti su una punizione tirata da Delli Innocenti e ha battuto un incerto Brandolin. Nei primi 20' minuti della ripresa la Roma ha spinto ancora per mettere al sicuro il risultato e ciò ha portato Valle a sfiancarsi in un incessante gioco di sostegno alle punte. Venuto a mancare il suo apporto dovevano essere le mezze ali Maestrelli e Venturi a retrocedere ed eseguire il lavoro di spola necessario. I due, però, non hanno le capacità richieste per quel ruolo, prediligendo ambedue il gioco ad immediato sostegno delle punte e quindi è venuta fuori la Lazio. Todeschini, Alzani e Gualtieri hanno cominciato a macinare azioni su azioni, non sfruttate, però, dall'impreciso attacco laziale. Il pallone è restato costantemente nella metà campo romanista e i difensori hanno faticato moltissimo per respingere gli attacchi biancocelesti. Al 38', però, Alzani scatta in profondità e crossa; Risorti tenta di respingere di pugno ma manca l'intervento. Niente di più facile per Magrini colpire di testa e mettere in rete il pallone del pareggio.