Domenica 18 aprile 1943 - Genova, stadio del Littorio – Liguria-Lazio 2-0


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

18 aprile 1943 - 712 - Campionato Italiano di calcio Divisione Nazionale Serie A 1942/43 - XXIX giornata

LIGURIA: Camerario, Tabor, Parena, Sandroni, Pisano, Tortarolo, Turconi, Borrini, Callegari, Silvestrelli, D'Alconzo.

LAZIO: Gradella, Monza (II), Valenti, Fazio, Ramella, Gualtieri, Risso, Pisa (I), Borici, Flamini, Puccinelli. All. Popovic.

Arbitro: sig. Ferd. Bianchi di Firenze.

Marcatori: pt 44' Turconi, st 26' Silvestrelli.

Note: giornata serena. Terreno buono.

Spettatori: 4.000. Incasso £. 26.000.

Il 18 aprile era la domenica delle Palme. Alle tre del pomeriggio a Porto Torres si odono alcune esplosioni violentissime. Quattro o cinque bombe furono sganciate dagli aerei americani e avevano colpito la stazione, piazza Garibaldi, la zona di fronte al cimitero. A terra restarono cinque vittime.

Ma, si seppe solo a guerra finita, il grande avvenimento bellico accadde nel Pacifico. Durante i combattimenti presso le isole Salomone, gli americani, che grazie alla decrittazione delle comunicazioni radio giapponesi erano venuti a conoscenza dell'arrivo dell'ammiraglio Yamamoto sull'isola di Bougainville, riuscirono ad intercettare l'aereo che lo trasportava e ad abbatterlo. L'aereo, un Mitsubishi G4M Betty, dopo aver perso quota, con un motore incendiato, precipitò fra gli alberi dell'isola, finendo in un rogo. Il corpo dell'ammiraglio fu ritrovato carbonizzato fra i rottami, appoggiato all'elsa della sua spada di samurai.


Il Liguria è tornato alla vittoria dopo oltre tre mesi, battendo nettamente una Lazio che gli è stata superiore sul terreno tecnico ma inferiore su quello agonistico. I rossoneri hanno segnato la prima rete negli ultimi secondi dei primo tempo su azione di Cantari continuata da D'Alconzo e conclusa a un passo dalla rete dell'ala destra Turconi. La seconda rete è stata ottenuta al 25' della ripresa su centro di Tortarolo deviato al volo in un angolo basso da Silvestrelli.

Fonte: La Stampa





Torna ad inizio pagina