Domenica 23 novembre 1947 - Trieste, stadio Comunale (detto Valmaura) - Triestina-Lazio 2-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

23 novembre 1947 - Campionato Italiano di calcio Divisione Nazionale Serie A 1947/48 - X giornata

TRIESTINA: Striuli, Blason, Zorzin, Presca, Sessa, Radio, Rossetti, Trevisan, Ispiro, Tosolini, Begni.

LAZIO: Gradella, Remondini, Antonazzi, Alzani, Rosi, Ferri, Vidal, Magrini, Del Pinto, Flamini, Puccinelli.

Arbitro: sig. Carpani di Milano.

Marcatori: pt 26' Begni, st 21' Tosolini, 42' Vidal.

Note: spettatori 15.000. Giornata primaverile, terreno buono. Calci d'angolo 4 a 3 per la Triestina.

La tradizione vuole che gli incontri tra Triestina e Lazio siano sempre interessanti e combattuti e ciò si è verificato puntualmente anche questa volta. Giusta la vittoria giuliana e questo l'hanno riconosciuto, alla fine del match, anche i laziali. Ma non è stato un successo facile. La Triestina ha avuto in Blason, Begni, Rossetti, Tosolini, Sessa i pilastri di una squadra solida, essenziale e determinata. Anche Trevisan sta pian piano riprendendo quella condizione che ne aveva fatto uno dei migliori attaccanti italiani. La Lazio si è dimostrata squadra solida e in possesso di un bel gioco. Robusta in difesa, buona nella mediana, priva di mordente in attacco, dove Fantoni (IV) ha cercato di non far rimpiangere l'assente Penzo. Discreto l'arbitraggio di Carpani che però non ha assegnato un rigore per parte. Il ritmo della partita è stato indiavolato. Nei primi 20 minuti ha prevalso la Lazio, poi la Triestina ha preso in mano le redini del gioco e al 26' Begni, su passaggio di Rossetti, porta in vantaggio la sua squadra. La reazione laziale è vivacissima, ma infruttuosa. Nella ripresa la Triestina attacca inizialmente e prima all'8' con Rossetti e poi al 15' con Tosolini, sfiora il raddoppio. E' Gradella che con interventi spettacolari nega il goal ai triestini. Il buon Uber nulla può però al 21', quando Tosolini mette in rete dopo una splendida triangolazione tra Trevisan, Rossetti ed Ispiro. La Lazio non disarma e dopo aver ottenuto tre corner segna sugli sviluppi dell'ultimo tiro dalla bandierina: batte Flamini e la palla arriva davanti a Striuli. Si accende una mischia e Vidal riesce a toccare di quel tanto da mandare la palla in rete.