Domenica 25 giugno 1972 - Firenze, stadio comunale - Fiorentina-Lazio 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

25 giugno 1972 - 1735 - Coppa Italia 1971/72 - Girone B gara 4

FIORENTINA: Superchi, N.Scala, Longoni, S.Esposito (46' Botti), Ferrante, Orlandini, Caso (85' Florio), Merlo, Clerici, De Sisti, Chiarugi. A disp. Favaro, E.Pellegrini, D'Alessi. All. Liedholm.

LAZIO: Di Vincenzo (70' Bandoni), Oddi, Legnaro, Wilson, Polentes, Martini, D'Amico, Gritti, Facchin, Fortunato (85' Abbondanza), Nanni. A disp. Facco. All. Maestrelli.

Arbitro: Michelotti (Parma).

Marcatori: 43' Nanni (rig), 64' Clerici (rig).

Note: ammoniti Esposito e Polentes entrambi per proteste.

Spettatori: 10.000 circa con 7.920 paganti per un incasso di £. 11.253.500.

Il biglietto della gara in "Curva Fiesole"
Il biglietto della gara in "Tribuna Maratona"
Da l'Unità; la cronaca della gara
Il rigore realizzato da Nanni

Lazio priva di molti giocatori a cominciare da Chinaglia rimasto a Roma ad assistere la moglie Connie in attesa del secondogenito, Fiorentina senza Galdiolo e Brizi. Neanche Lenzini e Sbardella, attesi a Firenze per discutere il futuro di Bandoni, Mazzola (II) e Sulfaro, si fanno vivi. Lazio pimpante sin dalla prime battute di gioco con una Fiorentina messa in difficoltà dalla manovra rapida e precisa dei romani. Dopo alcune conclusioni sballate di Scala e Caso, D'Amico per poco non sorprende Superchi al 12'. Di Vincenzo inchioda a terra una punizione bomba di Clerici e quindi Nanni chiude una triangolazione con Gritti impegnando severamente con una conclusione volante il portiere viola. Alla mezz'ora occasionissima per la Lazio: su cross di Martini e astuto "velo" di Nanni, Facchin ha un pallone d'oro fra i piedi, ma s'impappina al momento di concludere. Al 41' Martini fa filtrare in area un magnifico pallone per Nanni a tu per tu con Superchi: alle spalle del numero undici interviene Scala che lo sgambetta platealmente. Rigore colossale, ma Michelotti non interviene. Due minuti più tardi però l'arbitro parmense non può chiudere gli occhi su uno spintone in area di Longoni su Facchin. Nanni dagli undici metri fulmina Superchi con una cannonata sotto la traversa. Uno a zero per Lazio come giusto verdetto dei primi 45 minuti. Nella ripresa i ragazzi di Maestrelli continuano ad imperversare e prima Nanni e quindi D'Amico fanno venire i brividi agli sportivi fiorentini che iniziano a fischiare la propria squadra. Al 64' per un ingenuo e istintivo fallo di mano di Oddi su cross di Chiarugi, Michelotti assegna la massima punizione ai padroni di casa. Clerici non perdona riportando in parità le sorti della partita. Fiorentina che insiste, ma che trova sulla sua strada un Di Vincenzo in stato di grazia. Dopo due grandi interventi, prima su punizione di Clerici e poi su conclusione di Caso, il numero uno laziale s'infortuna lasciando il posto a Bandoni. Il nuovo entrato non è da meno e con due stupende parate su Chiarugi e Longoni, dice di no ai gigliati. A tempo quasi scaduto D'Amico manca una buona occasione per sbancare il Comunale. Finisce 1-1 ed è il risultato più giusto per quanto visto nei novanta minuti.

Nell'altra partita del quarto turno il Napoli piega il Bologna per 2 a 1 e la classifica pone lo stesso Napoli in testa con 6 punti, seguito dal Bologna a 4 e da Lazio e Fiorentina a quota 3.