Domenica 30 gennaio 1966 - Roma, stadio Flaminio - Lazio-Torino 1-0


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

30 gennaio 1966 - 19 - Campionato di Serie A 1965/66 - XIX^ GIORNATA

LAZIO: Cei, Zanetti, Vitali, Carosi, Pagni, Dotti, Mari, Sacco, D'Amato, Governato, Ciccolo. All. Mannocci.

TORINO: Vieri, Poletti, Fossati, Puia, Cereser, Rosato, Meroni, Ferrini, Orlando, Bolchi, Moschino. All. Rocco.

Arbitro: sig. Motta (Monza).

Marcatori: 18' Mari.

Note: tempo bello, terreno buono. Osservato un minuto di silenzio per i nuotatori azzurri Carmen Longo, Daniela Samuele, Luciana Massenzi, Bruno Bianchi, Amedeo Chimisso, Sergio De Gregorio, Dino Rora, del tecnico Paolo Costoli e del telecronista Nico Sapio, periti in un incidente aereo a Brema. Ammonito Mari per simulazione. Angoli 5-3 per la Lazio (pt 2-2). Sorteggio antidoping negativo.

Spettatori: 25.000 circa con 15.000 paganti per un incasso di £. 18.000.000.

La Lazio festeggia il suo ritorno al Flaminio con una vittoria sul Torino che va oltre il punteggio finale di 1 - 0. Gli ospiti, annunciati in un buono stato di forma, si presentano con una formazione prudente, allineando Moschino nell'inedito ruolo di ala tattica; Rocco cerca così di assicurarsi il controllo del centrocampo. E' buona la partenza dei biancocelesti che mettono in mostra delle trame convincenti. Al 18' Mari sblocca il risultato. La barriera respinge una punizione di Vitali, il quale riprende e crossa al centro un pallone che sorvola Ciccolo e Cereser giungendo tra i piedi del "Corvo" che supera Vieri con un tiro angolato e potente. I granata rispondono cinque minuti dopo con Meroni che al termine di uno spunto personale centra il palo. Sull'insidiosa ala Mannocci posiziona Zanetti spostando Vitali ad occuparsi di Moschino. Alla mezz'ora un errore di Dotti per poco non viene sfruttato dagli avanti avversari. Negli ultimi minuti del tempo la Lazio si rende pericolosa prima con un tiro di Mari e poi con Governato la cui girata al volo è deviata in angolo con molta bravura da Vieri. Nella ripresa si rivede il Toro con un colpo di testa del solito Meroni su servizio di Orlando. Insistono i granata che spostano in avanti il loro baricentro. Bolchi, al 69', con un tiro potente per poco non sorprende Cei. E' l'ultimo squillo per gli ospiti poiché negli ultimi venti minuti la Lazio legittima il suo vantaggio. Dopo un tentativo del generoso Carosi, si reclama un rigore per un fallo commesso in area da Fossati, ma Motta colpevolmente sorvola. E' quindi Mari ad evitare Fossati, trovando però il recupero in extremis di Cereser quando ormai il goal sembrava cosa fatta. Ci prova quindi all'82' Vitali con una stoccata di poco imprecisa. Quattro minuti più tardi, su cross di D'Amato, Ciccolo con un colpo di testa centra l'incrocio dei pali con un Vieri nettamente battuto. A due dal termine, lo stesso Ciccolo si mangia il più facile dei goal fallendo una deviazione a un passo dalla porta. Giunge infine il triplice fischio finale tra l'entusiasmo dei giocatori e del pubblico accorso al Flaminio. Ottima nel complesso la prova della squadra soprattutto a centrocampo dove Carosi è riuscito a cancellare Ferrini, Sacco ha battagliato con Rosato e infine Governato che non ha mostrato disattenzioni nella marcatura del poderoso Bolchi.