Domenica 30 ottobre 2011 - Cagliari, stadio Sant'Elia - Cagliari-Lazio 0-3


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

26 ottobre 2011 - 3.437 - Campionato di Serie A 2011/12 - X giornata - inizio ore 20.45

CAGLIARI: Agazzi, Pisano (69' Perico), Canini, Ariaudo, Agostini, Biondini, Nainggolan, Ekdal (54' Ibarbo), Cossu, Nenè, Thiago Ribeiro (86' Larrivey). A disposizione: Avramov, Gozzi, Rui Sampaio, Serpellini. Allenatore: Ficcadenti.

LAZIO: Marchetti, Konko, Diakite, Dias, Radu, Brocchi (68' Cana), Ledesma, Lulic, Hernanes (77' Sculli), Cisse (84' Rocchi), Klose. A disposizione: Bizzarri, Scaloni, Zauri, Kozak. Allenatore: Reja.

Arbitro: Sig. Mazzoleni (Bergamo) - Assistenti Sigg. Padovan e Passeri - Quarto uomo Sig. Gava.

Marcatori: 38' Lulic, 43' Klose, 88' Rocchi

Note: serata fresca, terreno in buone condizioni. Nessun ammonito. Angoli 11-3 per il Cagliari. Recuperi: 0' p.t., 4' s.t. Osservato un minuto di raccoglimento in memoria di Giulio Campanati, già presidente dell'Associazione Italiana Arbitri.

Spettatori: 12.000 circa.

Le due formazioni osservano il minuto di raccoglimento in memoria di Giulio Campanati
Miroslav Klose in azione
André Dias svetta di testa
Senad Lulic
L'esultanza del calciatore biancoceleste
Senad Lulic festeggiato dopo la marcatura
Il raddoppio di Miroslav Klose
Abdoulay Konko e Federico Marchetti
Djibril Cisse in una fase di gioco
Hernanes
Cristian Brocchi
Abdoulay Konko
Stefan Radu
Cristian Brocchi e Modibo Diakite
L'arbitro Mazzoleni e Djibril Cisse
Tommaso Rocchi sigla la rete del definitivo 0-3 e la personale n. 100 in maglia biancoceleste
100 di questi giorni, Tommà!!!
L'esultanza del bomber veneziano
Il biglietto della gara

I calciatori convocati per la partita odierna

La Gazzetta dello Sport titola: "Lazio, macchina da trasferta. 3-0 a Cagliari ed è seconda. La squadra di Reja vince per la quarta volta di fila fuori casa: decidono Lulic, Klose e Rocchi, che festeggia il centesimo gol con la maglia biancoceleste. Due assist di Cisse. I sardi non segnano in casa dal 17 settembre".

Continua la "rosea":

Non c'è tre senza quattro: la Lazio vince la quarta partita consecutiva in trasferta e balza al secondo posto in classifica, a un punto dalla Juve. Lo fa con il minimo sforzo, senza brillare. Chiudendo una partita bloccata, e non particolarmente divertente, nel finale del primo tempo, con un uno-due fulminante in cinque minuti. E nel finale arriva anche la festa di Rocchi, al centesimo gol con la maglia biancoceleste. Il Cagliari esce dal Sant'Elia tra i fischi: i suoi tifosi non vedono un gol dei rossoblù dal raddoppio di Larrivey al Novara nella terza giornata. Era il 17 settembre.

Dopo aver assistito a tre 0-0 consecutivi, per i supporter sardi la serata è ancora peggiore. Eppure, nei primissimi istanti, hanno l'occasione migliore per passare. Secondo minuto: Cossu batte dalla sinistra il primo corner dell'incontro, Ariaudo sfrutta una sponda e cerca il tap-in vincente, ma da due passi non trova la porta. Rimarrà di fatto la miglior palla-gol per i sardi in un primo tempo da sbadigli. Le squadre giocano con due moduli speculari, quel 4-3-1-2 che di questi tempi va per la maggiore. Il Cagliari è ordinato, ma dà sempre l'impressione di accontentarsi: non si scopre, per non scoprirsi. Ma così gli spunti non arrivano. Al di là di qualche tentativo di Cossu, mancano le idee. Nenè e Thiago Ribeiro sono del tutto isolati, Ekdal (che fa da vince Conti) e Nainngolan sono più interessati a chiudere gli spazi a Hernanes che ad accompagnare la manovra.

La Lazio è imbrigliata, ma dà sempre l'idea di poter pungere con la qualità di Hernanes, Klose e Cisse, che alla fine parte ancora titolare, a scapito di Rocchi. Konko, che ha recuperato dai problemi alla schiena, è fisso sulla linea dei centrocampisti e limita molto le discese di Agostini, che da quelle parte spesso incrocia anche Cisse. Ledesma cerca più volte lo scatto degli attaccanti, ma la difesa sarda è attenta e Klose finisce un paio di volte (di poco) in fuorigioco. Occasioni limpide non ne arrivano, fino al finale del tempo. Minuto 39: Brocchi porta avanti l'ennesimo pallone, Cisse gioca di sponda per Lulic, che trova il secondo gol in campionato (dopo quello a Bologna) con un bel destro a giro da fuori. I rossoblù subiscono il colpo e tracollano cinque minuti dopo. Cisse vede Klose a centro area e gli serve il più comodo dei palloni: per il tedesco è un gioco da ragazzi infilare Agazzi di testa.

Si riprende e dopo qualche minuto Ficcadenti gioca la carta Ibarbo, che entra per Ekdal. Il colombiano dà più vivacità. Il Cagliari attacca con maggior convinzione, e non potrebbe essere altrimenti. Ma davanti fatica a fare male. Thiago Ribeiro alla mezzora ha la palla che potrebbe riaprire il match, ma manda a lato di testa dopo il bel cross di Agostini. Nella Lazio escono Hernanes, Brocchi e poi anche Cisse, che sembra un po' contrariato. E che dalla panchina osserva il 3-0 finale di Rocchi, che trova il suo centesimo gol con la maglia della Lazio dopo la grande parata di Agazzi sullo stesso attaccante. Il match si chiude così. Il Cagliari si prende i fischi del Sant'Elia, la Lazio i tre i punti e il secondo posto. Adesso per Reja ci sarà da preparare la gara di Europa League con lo Zurigo. Visto l'andamento in campionato (e quello in Europa, con due punti in tre partite), viene naturale chiedersi se ai biancocelesti non convenga puntare forte su un'unica competizione.


Da Il Messaggero:

Lazio spietata: il 3-0 di Cagliari vale il secondo posto, Rocchi fa 100. Biancocelesti a una lunghezza dalla Juventus. Apre le marcature Lulic, continua Klose, Tommaso chiude in bellezza.

Una Lazio spietata vince a Cagliari 3-0, affianca l'Udinese al secondo posto e festeggia il gol numero 100 di Tommaso Rocchi con la maglia biancoceleste. I biancocelesti si confermano terribili fuori casa, dove hanno vinto le ultime quattro gare disputate (Cesena, Fiorentina e Bologna i precedenti). "Cinici", per dirla con la parola usata da Reja dopo la partita: tre occasioni, tutte sfruttate, che regalano il settimo risultato utile consecutivo, nel giorno in cui il Cagliari accusa la prima sconfitta interna.

Il Cagliari prova inizialmente a fare la gara, la Lazio si limita a controllare. Poi due lampi sul finire del primo tempo. I biancocelesti passano in vantaggio al 38': Cisse serve al limite Lulic, che di destro infila Agazzi. Il Cagliari reagisce con un tiraccio di Nainggolan, ma al 43' Klose è micidiale: assist ancora una volta di Cisse, cross dalla destra e il tedesco solo al centro dell'area infila di testa. La Lazio controlla bene anche nella ripresa, senza mai mostrare sofferenza e nel finale arriva il terzo lampo: Rocchi, entrato per Cisse, si toglie lo sfizio di segnare, a due minuti dal termine, il centesimo gol. Un colpo di testa che Agazzi devia sulla traversa, poi la pronta ribattuta di piede in rete. Domenica all'Olimpico arriva il Parma: ghiotta occasione, visto il posticipo serale tra Napoli e Juventus.


La Repubblica titola: "Lazio travolgente. E Rocchi fa 100. I romani restano secondi confermando il grande rendimento esterno. Cagliari battuto 0-3: in gol nel primo tempo Lulic e Klose, nel finale l'attaccante segna la centesima rete da laziale".

L'articolo così prosegue: E' la notte della logica al Sant'Elia. Di fronte un Cagliari che davanti ai propri tifosi aveva collezionato un tris di 0-0 consecutivi, ed una Lazio dal ruolino impressionante in trasferta. Ne esce, ed a pensarci bene era difficile finisse diversamente, un nettissimo 0-3 per i capitolini, che proseguono nel loro campionato di vertice: restano secondi, al pari dell'Udinese, ad un solo punto dalla Juventus. Cinica la squadra di Reja, che lascia sfogare l'impeto - tutto sommato tenue - degli avversari nella fase iniziale, per poi concretizzare praticamente il 100% delle occasioni create. Nella serata degli intrecci, dal il ritorno del portiere laziale Marchetti - fischiato - dopo il braccio di ferro infinito con Cellino, alla sfida tra Reja e l'antico allievo Ficcadenti, il ruolo di prima donna se lo prende Tommaso Rocchi: gli basta una manciata di minuti nel finale per tagliare un traguardo che stava diventando un'ossessione, quello dei 100 gol in maglia biancoceleste.

Nella preparazione della gara, il problema maggiore ce l'ha Ficcadenti: manca lo squalificato Conti, ed il tecnico ovvia affidando le chiavi del centrocampo a Nainggolan, con Cossu immediato sostegno delle punte Thiago Ribeiro e Nenè. Reja non dà peso all'astinenza da gol di Cisse, schierandolo al fianco di Klose. Dietro, importante recupero di Konko a destra, mentre centrale accanto a Dias c'è Diakite. Lazio chirurgica nel primo tempo, iniziato meglio dal Cagliari. Per sfortuna dei sardi, le palle migliori vanno a finire ad Ariaudo, onesto difensore ma scevro della ferocia dell'uomo gol. Caso contrario, farebbe meglio su un pallone piovutogli sul destro a due metri dalla porta e mandato alto e su un colpo di testa fallito da buona posizione. Il Cagliari comunque si muove bene, al pari di Cossu, che tra le linee crea problemi ai romani e dispensa assist interessanti: su uno di questi Thiago Ribeiro pecca di egoismo, preferendo un colpo di testa a rete quando un assist per Nenè avrebbe probabilmente sortito miglior effetto.

Sul versante opposto, segnerà poco ma come uomo assist è micidiale. Riferimento a Cisse, che prima gioca di sponda per Lulic, che con un destro da fuori batte Agazzi, quindi crossa per Klose: il tedesco, faccia a faccia con il portiere avversario, sbaglia poco in queste situazioni. Nella ripresa la Lazio amministra con grande personalità, lasciando il pallino del gioco ai sardi, che provano parecchio sugli esterni. Tanti cross, sui quali i centrali romani fanno buona guardia. Le eccezioni, due colpi di testa del lungo Ibarbo (Marchetti sicuro) e di Thiago Ribeiro, che non inquadra il bersaglio da pochi passi. Il sipario sulla gara lo cala Rocchi, che si getta con caparbietà su un invito di Ledesma: la prima conclusione di testa viene deviata sulla traversa da Agazzi, ma sulla respinta l'attaccante festeggia il centesimo con un destro ravvicinato.


Dall'Unione Sarda:

La Lazio sbanca Cagliari (0-3) e tiene il ritmo delle grandi. La squadra di Reja ottiene tre punti pesanti su un campo difficile grazie all'ottima prestazione di tutta la squadra e rimane seconda in classifica con 18 punti in compagnia dell'Udinese dietro di un punto alla sola Juventus. Cisse continua a non segnare, ma non disdegna di mandare i compagni in gol con degli assist che aspettano solo di essere capitalizzati al meglio, mentre Rocchi lo sostituisce nel finale e segna subito, festeggiando così la sua 100esima rete con la maglia della Lazio.

Il Cagliari, da parte sua, priva di un big come Daniele Conti, aveva iniziato a fare la gara ed aveva avuto un paio di occasioni prima di subire due sberle sul finire di primo tempo che hanno tarpato le ali alla squadra di Ficcadenti. Ariaudo si era reso pericoloso in un paio di circostanze (1' e 23') anche se l'ex dal dente avvelenato Marchetti (fischiato) non aveva dovuto scomporsi più di tanto. Quando la gara sembrava aver trovato un suo equilibrio sul filone del pari, ecco che un'accelerata della Lazio porta i biancocelesti in vantaggio al 39' con Lulic che si inserisce bene e sorprende Agazzi con un tiro a girare (il portiere sardo era un po' avanti) dopo una triangolazione con Brocchi e Cisse. La reazione dei sardi è affidata al destro di Nainggolan che mette paura a Marchetti ma è fuori, poi una palla rubata da Radu al 44' fa partire un contropiede che la Lazio completa con la rete in tuffo di testa di Klose servito al bacio dalla destra dal solito Cisse.

Nella ripresa, Ficcadenti cerca di dare più smalto alla sua squadra inserendo Ibarbo e il Cagliari tiene in mano il pallino del gioco andando vicino alla rete in diverse circostanze. Al 17' proprio con Ibarbo, al 32' con Thiago Ribeiro ed al 34' con Nainggolan sfiora il gol, ma la Lazio fa buona guardia ed appena può si distende in contropiede. Reja, nel frattempo, in vista della gara di Europa League di giovedì, regala qualche minuto di riposo a Brocchi, Hernanes e Cisse inserendo Cana, Sculli e Rocchi. E proprio quest'ultimo appena entrato fissa il punteggio sullo 0-3 mettendo la firma sulla 100esima segnatura con la maglia laziale.


Tratte da Il Messaggero, alcune dichiarazioni post-gara:

È Tommaso Rocchi il giocatore più festeggiato al termine di Cagliari-Lazio. Entrato al 39' del secondo tempo al posto di Cisse, quattro minuti dopo l'attaccante veneto ha segnato il 3-0 che è anche la sua personale rete numero 100 con la casacca della Lazio. "Il centesimo gol è arrivato oggi, quando meno te lo aspetti perché se programmi le cose non arrivano - dice Rocchi a Sky dopo il match - Sono felice, adesso mi rendo conto di quello che ho fatto. Oggi speravo di giocare e invece sono entrato a poco dalla fine ed è arrivato il gol. È stata una gioia immensa". L'attaccante l'ha dedicata a sé stesso ed ai figli ("la cosa più importante per me"), dei quali mostra l'immagine su una maglietta. "Sono contento per il gol e per la vittoria - aggiunge Rocchi - Siamo un bel gruppo, tutti sapevano quanto ci tenessi a fare questo gol e col passare delle giornate mi dicevano prima o poi arriva. Dove può arrivare la Lazio? Dobbiamo continuare così, non era facile. Siamo in un'ottima posizione di classifica, ma è fondamentale dare continuità."

"Perché facciamo meglio in trasferta? In casa troviamo delle squadre che si chiudono e quindi difficoltà a trovare gli spazi. La scorsa settimana contro il Catania abbiamo creato cinque opportunità da rete, non concretizzate, mentre oggi sì. Siamo stati cinici, le palle che sono arrivate le abbiamo messe dentro. Di diverso c'è solo questo". Reja spiega così a Sky il comportamento della sua squadra, che rende meglio fuori casa. Secondo Reja, nella Lazio "c'è qualità, esperienza e grande personalità, perché giocare una partita a Cagliari e vincere non è facile. Oggi siamo stati sereni, tranquilli e convinti delle nostre qualità. Cisse? Ha disputato un'ottima partita, si è sacrificato, comincia ad essere un giocatore importante. Quando la squadra vince lui è contento, deve andare avanti così". Non sarebbe il caso di dare più spazio a Rocchi, oggi al centesimo gol con la maglia laziale? "Se dovessimo andare avanti in Europa League troverà spazio sicuramente - risponde l'allenatore - Sia lui che Kozak. Però fino a metà campionato io mantengo lo stesso assetto, poi arriveranno i momenti di Rocchi che sarà decisivo. Il presidente mi ha messo a disposizione una rosa di ottimi giocatori, l'importante è non cambiare molto".



Galleria di immagini sulle reti della gara
Senad Lulic (fuori quadro) sblocca il risultato
Il raddoppio di Miroslav Klose
Tommaso Rocchi fissa il risultato sullo 0-3



► Per questa partita il Mister biancoceleste Edoardo Reja ha convocato i seguenti calciatori:




<< Turno precedente Turno successivo >> Torna alla Stagione Torna ad inizio pagina