Domenica 8 novembre 1959 - Napoli, stadio Vomero - Napoli-Lazio 0-0


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

8 novembre 1959 - Campionato Italiano di calcio Divisione Nazionale Serie A 1959/60 - VII giornata

NAPOLI: Bugatti, Comaschi, Mistone, Beltrandi, Greco II, Posio, Vitali, Bertucco, Vinicio, Del Vecchio, Pesaola. All. Amadei.

LAZIO: Cei, Molino, Del Gratta, Pozzan, Janich, Prini, Mariani, Tozzi (Humberto), Rozzoni, Franzini, Visentin. D.T. Bernardini.

Arbitro: sig. Liverani di Torino.

Note: giornata di sole, terreno leggermente scivoloso per la pioggia caduta di sabato. Calci d'angolo: 7-1 a favore del Napoli. Folta rappresentanza sugli spalti di tifosi laziali giunti con una carovana di pullman.

Spettatori: 32.000 circa per un incasso di circa £. 18.000.000.

Cei respinge una punizione del Napoli

Dopo la sosta per l'impegno della Nazionale (azzurri piegati per 2-1 a Praga dalla Cecoslovacchia) ritorna il massimo Campionato. La Lazio ha sulle gambe i 120 minuti di gioco disputati in Coppa Italia contro il Palermo e non può contare su diversi suoi titolari. Anche il Napoli, con i suoi problemi di classifica, ha diversi giocatori non disponibili. La partita è subito vivace e giocata a viso aperto dalle due compagini. Al 4' Pozzan offre un bel pallone a Tozzi che calcia però in maniera affrettata. Risponde subito Vinicio, con una staffilata che sorvola di poco la traversa. All'11' proteste napoletane per un braccio di Janich su traversone di Vinicio. Ancora partenopei pericolosi con Del Vecchio la cui sventola è deviata da Cei, il quale poco dopo deve ripetersi su conclusione dello scatenato Vinicio. Piano piano la spinta dei padroni di casa si affievolisce e i romani assumono le operazioni a metà campo soprattutto per merito dei polmoni di Franzini e della sapienza di Pozzan. Tozzi sale alla ribalta impegnando prima Bugatti con una staffilata e quindi Greco II in un complicato recupero. Allo scadere ghiotta occasione per andare in vantaggio. Pozzan offre un grande pallone a Mariani che sbaglia a tu per tu con il portiere azzurro. Al riprendere del gioco il Napoli inizia a spron battuto. Scambio Bertucco-Vitali-Del Vecchio che da ottima posizione lambisce il palo. E' questo però l'ultimo acuto degli uomini di Amadei. Al 51' girata di Tozzi su cross di Mariani: Bugatti blocca accartocciandosi a terra. Il brasiliano è incontenibile e dopo un duetto con Rozzoni impegna severamente l'attento Bugatti. Al 75' Visentin con un virtuosismo mette Tozzi tutto solo di fronte al numero uno partenopeo. Comaschi alle spalle abbatte il brasiliano: rigore netto, ma l'arbitro chiude tutti e due gli occhi. La Lazio stringe i tempi visto che il Napoli non ha più molte energie da spendere. Tenta prima Visentin e quindi Tozzi, ma la fortuna non è dalla loro parte. A quattro dal termine scontro tra Greco II e Tozzi il quale ha la peggio riportando una brutta ferita all'altezza del malleolo. Risultato finale a reti bianche, ma l'undici di Bernardini avrebbe meritato l'intera posta in palio.

Dopo sette giornate così appare la classifica: Juventus (p.13), Bologna (p.11), Internazionale e Milan (p.10), S.P.A.L. (p.9), Sampdoria e Fiorentina (p.8), Lazio, Roma e Alessandria (p.7), L.R.Vicenza, Palermo, Atalanta, Padova e Bari (p.5), Udinese e Napoli (p.4), Genoa (p.3).