Domenica 9 ottobre 1960 - Roma, stadio Olimpico - Lazio-Napoli 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

9 ottobre 1960 - Campionato Italiano di calcio Divisione Nazionale Serie A 1960/61 - III giornata

LAZIO: Cei, Lo Buono, Del Gratta, Carradori, Janich, Fumagalli, Mariani, Pozzan, Rozzoni, Ferrario, Bizzarri. All. Bernardini.

NAPOLI: Bugatti, Greco II, Schiavone, Posio, Mialich, Girardo, Di Giacomo, Gratton, Pivatelli, Del Vecchio, Tacchi. All. Amadei.

Arbitro: sig. Rebuffo (Milano).

Marcatori: 85' Rozzoni, 86' Tacchi.

Note: cielo parzialmente coperto con qualche spruzzo di pioggia; terreno in buone condizioni. Calci d'angolo: 6-5 a favore della Lazio.

Spettatori: 50.000 per un incasso di oltre 26.000.000 di lire.

Dopo una settimana difficile per entrambe le formazioni, Lazio e Napoli si spartiscono la posta al termine di un confronto dai modesti contenuti tecnici. I partenopei hanno preparato l'impegno romano nella quiete di Grottaferrata dopo le contestazioni al tecnico Amadei sfociate in una violenta rissa nella Galleria Umberto di Napoli tra i tifosi azzurri all'indomani del pari casalingo con il Torino. Nella Lazio continua ad esser piena l'infermeria con Lovati costretto al forfait dopo un brutto colpo subito nella trasferta in casa della Juventus. Guaglianone non è ancora giudicato pronto per il debutto e questo innervosisce molto i tifosi biancocelesti che a Tor di Quinto al mercoledì hanno fragorosamente rumoreggiato. Al via buona azione condotta da Pozzan e Ferrario con pallone che giunge sui piedi di Bizzarri che spreca malamente. Al 6' ci prova Pozzan con una rabbiosa conclusione: Bugatti si accartoccia a terra sventando la minaccia. Al 18' passaggio filtrante di Di Giacomo per Pivatelli: Janich s'interpone alla disperata e il pallone s'impenna sulla traversa prima di uscire sul fondo. Alla mezz'ora ottimo cross di Mariani che Rozzoni non capitalizza con un colpo di testa troppo fiacco per impensierire Bugatti. Dopo un'altra opportunità laziale con Bizzarri che spara addosso a Greco II, è il Napoli ad assumere le operazioni del gioco. Tacchi va vicino due volte alla marcatura, prima al 36', al termine di un ottimo contropiede, e quindi al 43' con un diagonale assai pericoloso. Alla ripresa del gioco Lazio in avanti. Al 52' guizzo di Rozzoni e pallone per Bizzarri che costringe Bugatti a un difficile intervento. Un minuto dopo è Rozzoni a creare scompiglio nell'area napoletana. Al 54' Janich sventa con un grande recupero un'incursione di Del Vecchio. Al 60' Bizzarri non capitalizza un geniale passaggio di Ferrario. Nei minuti successivi Cei diviene grande protagonista salvando la sua porta con due ottimi interventi. Volo plastico al 63' su punizione di Pivatelli e bloccata a terra su tiro secco di Girardo sessanta secondi dopo. Al 72' colpo di testa di Del Vecchio alto sulla traversa dopo un cross di Gratton. A cinque dal termine la Lazio riesce a passare. Traversone di Pozzan girato in rete dalla testa di Rozzoni. Nella circostanza Bugatti appare in debito nei riflessi. Neanche il tempo di esultare che i partenopei agguantano il pareggio. Contestata punizione a favore del Napoli per una trattenuta ai danni di Tacchi al limite dell'area. I biancocelesti segnalano un fuorigioco di due avversari non riscontrato nella dinamica dell'azione, ma l'arbitro non vuole sentire ragioni. Il tiro ad effetto di Tacchi supera la barriera e consegna il pari agli ospiti. La Lazio incassa il primo punto in classifica, ma i problemi rimangono ancora molti.



Torna ad inizio pagina