Domenica 16 ottobre 1960 - Udine, stadio della Birra Moretti - Udinese-Lazio 2-0


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

16 ottobre 1960 - Campionato di Serie A 1960/61 - IV giornata

UDINESE: Dinelli, Del Bene, Valenti, Sassi (II), Tagliavini, Giacomini, Pentrelli, Canella, Meroi, Segato, Tinazzi. All. Bigogno.

LAZIO: Pezzullo, Lo Buono, Del Gratta, Carradori, Janich, Fumagalli, Mariani, Pozzan, Rozzoni, Guaglianone, Bizzarri. All. Bernardini.

Arbitro: sig. Righi (Milano).

Marcatori: 37' Meroi, 72' Tinazzi (rig).

Note: cielo coperto con scrosci di pioggia sul finire della partita. Calci d'angolo: 6 a 2 a favore della Lazio. Hanno esordito in A entrambi i portieri Pezzullo e Dinelli e l'attaccante Guaglianone. Quest'ultimo è rimasto infortunato alla mezz'ora del primo tempo; si è trasferito zoppicando all'ala sinistra quindi ha abbandonato il gioco al 35' della ripresa.

Spettatori: 10.000 circa.

Trasferta amara in Friuli per la Lazio in un pomeriggio in cui gira tutto storto. Bernardini deve fare a meno dei suoi portieri Lovati e Cei, entrambi infortunati, e lancia così il giovane Pezzullo; in avanti finalmente fa il suo debutto Guaglianone sul quale si affidano molte speranze di tutto l'ambiente biancoceleste. Inizio veloce dell'incontro, ma poche sono le emozioni. L'esordiente Dinelli sbriga con puntualità il lavoro che gli offre una timida punizione calciata da Bizzarri e una puntata successiva di Rozzoni che trascina il pallone sul fondo. Al 13' Pezzullo controlla bene su Canella. L'Udinese aumenta il numero dei giri: Meroi, un giovane che in estate era stato vicino al trasferimento a Roma, si rende pericoloso al 16' con una conclusione alta sulla traversa. Poco prima della mezz'ora bel colpo di testa di Canella e ottima presa volante di Pezzullo. Risponde la Lazio con un forte tiro di Rozzoni che Tagliavini respinge sui piedi Bizzarri che manca di pochi centimetri il bersaglio. Al 34' colossale palla goal per i romani. Duello tra Guaglianone e Sassi (II) che tenta il retropassaggio al suo portiere: la palla giunge ai solitari Rozzoni e Bizzarri che s'intralciano in modo incredibile facendo sfumare il più allettante dei regali. Pochi secondi dopo in uno scontro con Sassi (II), Guaglianone s'infortuna procurandosi uno stiramento inguinale. Al 37' giunge il vantaggio dei padroni di casa. E' Meroi a precedere Pezzullo su un cross tagliente di Pentrelli. In chiusura di tempo prima un insidioso tiro di Canella fuori dallo specchio della porta e quindi un tiraccio di Bizzarri che sorvola di molto la traversa. Ad inizio ripresa bello spunto di Meroi con conclusione sfortunata e quindi insidioso tiro cross di Bizzarri che "spazzola" la traversa di Dinelli. L'ex fiorentino ci riprova quindi su punizione prima che Rozzoni calci fuori dopo una buona iniziativa personale. Al 62' gran tiro di Canella e plastica risposta in volo di Pezzullo. Dieci minuti dopo giunge il raddoppio friulano. Del Gratta sbaglia un rinvio e quindi trattiene per una spalla Pentrelli. Rigore ineccepibile che Tinazzi converte con una fucilata imparabile. La Lazio si lancia in avanti nella speranza di riaprire l'incontro. Rozzoni si fa largo, ma poi conclude alto. Subito dopo gran tiro di Pozzan a seguito di una punizione calclata da Carradori: il pallone è deviato in angolo da un ottimo Dinelli. Negli ultimi quindici minuti l'Udinese amministra il gioco conservando senza molti patemi il suo doppio vantaggio.