Il Ritiro 1949


Stagione

La preparazione si è svolta tra Trevi (PG) e Roma.

La Lazio si riunisce a Roma, in sede, il 4 agosto 1949. Ci sono i nuovi acquisti che vengono presentati ai vecchi e il Presidente Zenobi, come sempre, fa un discorso augurale e invita i propri calciatori al massimo impegno. Il giorno seguente tutti i giocatori si sottopongono alle visite mediche effettuate dal medico sociale prof. Ugo Bani. L'appuntamento è per il 6 agosto, giorno in cui la squadra, a bordo di un pullman, parte per Trevi (PG) dove svolgerà la preparazione estiva fino al 21 agosto. Il tecnico Mario Sperone, coadiuvato dal prof. Mario Urbani per la parte atletica e dall'ex calciatore biancoceleste Salvador Gualtieri che funge da vice allenatore, fa comparire il pallone solo dopo Ferragosto in quanto la prima fase è dedicata alla ginnastica, alla corsa nei boschi, e alla corsa veloce sul campo di gioco che è a Foligno (PG). Il prof. Urbani, specialista e fautore della ginnastica isometrica, sottopone i giocatori a sedute durissime. Sperone alterna le partite di calcio interne con lunghi set di pallavolo.

La prima partita amichevole è prevista per il giorno 21 a Foligno e per quella data ancora non sono state fornite da Sperone indicazioni tecniche e tattiche. Solo dopo il ritorno a Roma il tecnico impegnerà la squadra in partitelle interne e poi in amichevoli con numerose squadre romane in cui fornirà le direttive specifiche. Oltre a quella di Foligno le partite amichevoli relativamente più impegnative saranno quella del 25 contro la Tivoli, quella del 28 contro il Latina e quella con la Salernitana del giorno 4 settembre. Il Campionato comincerà l'11 settembre 1949 e vedrà i biancocelesti impegnati a Lucca.





Torna ad inizio pagina