Sabato 23 luglio 2005 - Tampere, Ratinan Stadion - Tampere United-Lazio 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

23 luglio 2005 - 3.151 - Coppa Intertoto 2005/06 - Quarti di finale - gara di ritorno

TAMPERE UNITED: Kaven, Rasanen, Kuoppala, Heinanen, Saarinen, Ojanpera, Wiss, Sainio, Kujala (61' Hynynen), Lehtinen, Scheweleff (74' Lahtinen). A disposizione: Hilander, Marchis, Aho, Junnila. Allenatore: Hjelm.

LAZIO: Sereni, Belleri, Cribari, Lequi, Zauri, Manfredini (87' De Silvestri), Firmani, Liverani, Cesar, Di Canio (75' Pandev), Rocchi (65' Muzzi). A disposizione: Peruzzi, Sannibale, Ciani, Melara. Allenatore: D.Rossi.

Arbitro: Sig. Styles (Inghilterra).

Marcatori: 88’ Wiss, 90' Muzzi.

Note: giornata piovosa, terreno scivoloso. Ammonito: Sainio. Angoli: 7-5 per la Lazio. Recuperi: 1' p.t., 3' s.t.

Spettatori: 8.000.


Un momento della gara
Muzzi complimentato dai compagni dopo aver realizzato il goal del pareggio
Un articolo di giornale
Lequi battaglia con Heinanen

La Repubblica titola: "Passa il turno con l'1-1 di Tampere, dopo il 3-0 dell'andata. Prossimo avversario di Intertoto: Young Boys o Olympique Marsiglia. Intertoto, Lazio col minimo sforzo. Tutte le emozioni nel finale. E un uomo nudo fa le capriole in campo: bloccato dalla polizia".

Continua il quotidiano: Missione compiuta per la Lazio di Delio Rossi: nel ritorno del terzo turno della coppa Intertoto, pareggia 1-1 con i finlandesi del Tampere e raggiunge la semifinale. I biancocelesti sono apparsi meno brillanti rispetto all'andata, ma il 3-0 ottenuto all'Olimpico e il modesto livello degli avversari ha permesso loro di giocare un match abbastanza tranquillo. Ora bisogna attendere l'esito dell'incontro tra Young Boys e Olympique Marsiglia per conoscere il prossimo avversario. La Lazio avrà molto da lavorare in questi giorni per presentarsi al prossimo appuntamento in una condizione fisica migliore. Fra le poche emozioni della partita, l'ingresso di un uomo completamente nudo in campo, a pochi minuti dal termine. Ha fatto un paio di capriole, poi è stato bloccato dalla polizia. La cronaca. Rossi si affida allo stesso undici dell'andata, anche se i primi minuti, giocati sotto la pioggia battente, sono caratterizzati da ritmi piuttosto compassati, con molti errori da entrambe le parti. Le due squadre sembrano essere poco concentrate e per vedere il primo tiro in porta bisogna aspettare il 16', quando Manfredini ci prova dalla lunghissima distanza senza impegnare però il portiere finlandese Kaven. La Lazio non ha alcuna intenzione di chiudersi e cerca di giocare al meglio le proprie chance offensive. Il Tampere, dal canto suo, non ci sta a fare la vittima sacrificale e al 24' Wiss impegna da lontano Sereni, con Zauri pronto a mettere in angolo anticipando gli attaccanti finlandesi.

La risposta biancoceleste arriva tre minuti dopo con un colpo di testa di Firmani su corner battuto da Cesar, con Kaven che respinge sul secondo palo con qualche difficoltà. La Lazio gioca bene, ma in difesa c'è qualche amnesia di troppo anche se i pericoli maggiori arrivano dalla distanza: sul bel tiro di Lehtinen al 42' Sereni si deve davvero superare per evitare il vantaggio finlandese. Nella ripresa è sempre il Tampere a fare la partita, ma i ritmi sono bassi e gli uomini di Rossi si difendono senza troppi affanni. Al 20' ci prova Rocchi, ben servito in area da Lequi, il cui tiro a incrociare scalda le mani a Kaven. Due minuti dopo l'occasione più ghiotta con Cesar, che con l'estremo difensore finlandese fuori dai pali, tenta la botta che Rasanen respinge a pochi metri dalla porta. La Lazio cresce e il cessare della pioggia sembra dare nuova linfa ai biancocelesti, che al 26' vanno vicinissimi al gol con una punizione di Liverani sulla quale Kaven fa un vero e proprio miracolo. La risposta del Tampere arriva a dieci minuti dal termine con Lehtinen, ma Sereni è in grande forma e dice di nuovo di no. Fuochi d'artificio poi nel finale, prima con l'invasione di campo, e poi con i gol che hanno fissato il risultato sull'1-1: colpo di testa di Wiss su calcio d'angolo al 43' e il pareggio di Muzzi, subentrato a Rocchi, al secondo minuto di recupero.


Il Corriere della Sera così racconta la gara:

La Lazio pareggia per 1-1 in casa del Tampere e si qualifica per le semifinali del torneo Intertoto. La partita non ha dato grandi emozioni ed è stata fortemente condizionata dalla pioggia e dal terreno scivoloso. I padroni di casa sono passati in vantaggio con un colpo di testa di Wiss all'88', quattro minuti dopo il pareggio di Muzzi, entrato nella ripresa al posto di Rocchi, su assist di Cesar. Da rimarcare la prova di Sereni, autore di alcune parate decisive. I prossimi avversari dei biancocelesti saranno i vincenti tra Young Boys e Olympique Marsiglia. Doveva essere una semplice formalità il ritorno contro il Tampere per i ragazzi di Delio Rossi e così è stato: 1-1 il risultato, con emozioni solo negli ultimi minuti, vantaggio del Tampere con Wiss e pareggio nel recupero di Muzzi. Liverani ha colpito una traversa. Il tecnico Delio Rossi: "La squadra si è impegnata, i finlandesi sono più avanti nella preparazione. Ho avuto buone risposte dalla difesa. Abbiamo perso con i minuti la concentrazione, ma è normale dopo il 3-0 dell'andata. È stata un'altra tappa di avvicinamento alla migliore condizione. Con la testa ci siamo, anche se abbiamo sbagliato nelle ripartenze. Ma la cosa importante era superare il turno e giocare partite vere per i tre punti".

Paolo Di Canio è felice per il risultato e per l'accoglienza dei tifosi locali: "Mi hanno regalato un souvenir finlandese, io gli ho regalato la maglia. Ci rende orgogliosi che il nome della Lazio giri per tutto il mondo. La qualificazione è buona, anche se il mister ci ha rimproverato di essere troppo leziosi. Non sta bene a lui ma neanche a noi che in campo si debba sudare per colpa di chi perde palla per leziosità. Ora aspettiamo il Marsiglia, una partita affascinante. E speriamo proprio di svegliarci". Domani scadono i termini per presentare all'Uefa la lista di giocatori che potranno giocare le semifinali. Ed è per questo che il presidente Lotito ieri è volato a Milano dove si è incontrato con Pastorello, Preziosi e Beltrami, procuratore dell'albanese Behrami, per risolvere gli ultimi dettagli di un'operazione da 2,5 milioni di euro. La Lazio acquisterà la metà del cartellino di proprietà del Verona mentre l'altra metà resterà al Genoa. C'è ora da superare un problema fiscale, visto che il club dovrà pagare circa 500 mila euro di Iva. Il presidente Lotito cercherà di chiudere con la Juve lo scambio Oddo-Blasi. Pronta già l'alternativa al centrocampista juventino: è Bolano. Martedì, poi, Stendardo diventerà un giocatore della Lazio con contratto quadriennale.


Il sito web "Uefa.com" commenta così la gara:

L'S.S. Lazio archivia la pratica Tampere United e accede alla semifinale della Coppa Intertoto UEFA. Emozioni tutte concentrate nel finale di gara quando i padroni di casa passano in vantaggio con Jarkko Wiss. A tempo scaduto arriva il pareggio di Roberto Muzzi. La sfida, condizionata dal 3-0 dell'andata, si rivela presto una pura formalità per la Lazio, schierata con il 4-4-2 già ammirato all'andata. In attacco la coppia Tommaso Rocchi - Paolo Di Canio; il nuovo acquisto Igle Tare resta a casa. Dopo un'inizio gara soporifero, verso la mezz'ora le prime due occasioni della gara: percussione sulla sinistra di Luciano Zauri per Christian Manfredini che di sinistro manda a lato. Il Tampere risponde con Wiss, tra i più vivaci in campo, che costringe Matteo Sereni alla respinta di pugni. Prima dell'intervallo ci prova nuovamente Wiss, ma Sereni è attento e si salva in angolo. Pur senza strafare la Lazio non ha alcuna difficoltà a controllare la gara, limitandosi a chiudersi nella propria metà campo, pronta a ripartire in contropiede.

Nella ripresa esce il maggior tasso tecnico della Lazio che alza il suo baricentro rendendosi più volte pericolosa con Manuel Belleri. Nel frattempo Muzzi prende il posto dell'evanescente Rocchi. Al 25' st la prima vera occasione della Lazio: punizione di Fabio Liverani, Mikko Kaven si distende e devia sulla traversa. Prima del botta-risposta nei minuti finali, al 35' st Sereni si supera sulla conclusione di Mika Lahtinen servito in profondità da Antti Ojanperä. Quando ormai la gara sembra incanalata sui binari della parità senza reti, ecco i due gol. Apre le marcature il Tampere: al 43' st angolo di Sakari Saarinen e perfetto stacco di testa di Wiss. Ma il pubblico di casa non ha ancora finito di festeggiare il gol che gli ospiti pareggiano: al 47' st César fa filtrare una palla in area per il preciso inserimento di Muzzi che non sbaglia. La gara si chiude qui. Nel prossimo turno la Lazio affronterà la vincente tra BSC Young Boys e Olympique de Marseille.