Lotito Claudio


Claudio Lotito
Claudio Lotito
Il presidente Lotito
Claudio Lotito il 13 maggio 2009 alza la Coppa Italia
Il Presidente alza la Supercoppa italiana l'8 agosto 2009
Lotito premia Miro Klose nella seconda giornata del Campionato 2014/15 per la conquista della Coppa del Mondo da parte della Germania

Articoli correlati

Presidente, nato a Roma il 9 maggio 1957, imprenditore nel ramo dei servizi.


L’avvento

Il suo nome viene associato alla Lazio per la prima volta il 9 aprile 2004, quando trapela l’ipotesi di un suo ingresso nella società con l’acquisizione di una quota di minoranza. Dal gennaio del 2003 Capitalia ha rilevato direttamente la gestione del club biancoceleste e a questa fase transitoria si vuole porre termine, con la consegna della Lazio nelle mani di un nuovo azionista di riferimento: a Lotito viene proposto di impegnarsi in tal senso, come confermerà in seguito lui stesso (“ho preso la Lazio perché me lo hanno chiesto le istituzioni”). Il 19 luglio dello stesso anno diventa azionista di maggioranza e presidente, acquisendo tramite la controllata Lazio Events 18.268.506 nuove azioni (pari al 26,969% dell'intero pacchetto), a fronte di un corrispettivo di circa 18,2 milioni di Euro. Il suo ingresso nella Lazio è appoggiato dalla stessa Capitalia e dall’area politica romana che fa capo a Francesco Storace e più in genere al centro-destra; alle sorti della Lazio si interessa anche un altro imprenditore, Piero Tulli, che viene accostato politicamente al sindaco Walter Veltroni, ma Lotito prevale in quello che sarà un breve e intenso ballottaggio. Per qualche giorno si parla anche della suggestiva ipotesi di un ritorno di Gianmarco Calleri, ma la candidatura dell’ ex presidente non ha consistenza reale.

L’informazione cerca di tracciare il profilo di Claudio Lotito e descrive un personaggio totalmente dedito al lavoro e alla famiglia (ha sposato una delle figlie del costruttore Gianni Mezzaroma, Cristina, dalla quale ha avuto un erede, Enrico) ed estremamente riservato. L’unica sua distrazione, a quanto pare, è proprio la Lazio, della quale si dice sia tifosissimo. Il neo presidente è originario dell’Umbria, ha radici materne ad Amatrice e ha vissuto a Ciampino,nei dintorni di Roma. Completati gli studi classici, si è laureato in pedagogia (“con 110 e lode”, come ama sottolineare).

Fin dalla prima conferenza stampa, nella quale spicca un celebre “nun te faccio entra’ più a Formello” (indirizzato al calciatore Claudio Lopez, in relazione a questioni contrattuali in sospeso tra l’argentino e la Lazio), il nuovo Presidente dimostra di essere un personaggio decisamente sopra le righe, sotto ogni aspetto: la verbosità spesso insopportabile e un’apparente sovrastima di sé che sfocia nel narcisismo, soprattutto, contribuiscono a declassarlo, nell’immaginario pubblico, al rango di innocua “macchietta”. In realtà, la mancanza di timori reverenziali nei confronti delle istituzioni – ha una proposta risolutiva per tutto, non solo per i problemi del calcio, e non manca di esporla a chi di dovere, spesso causando reazioni sconcertate – fa sospettare che il Presidente abbia spalle “politiche” e personalità ben più solide di quanto si immagini.

La Lazio ereditata da Lotito versa in gravi difficoltà finanziarie e tecniche: il debito fiscale, tra gli altri, ammontante a circa 132 milioni di Euro sui 380 complessivi, mette a rischio la stessa continuità societaria; i calciatori rimasti in rosa sono appena dieci. Mentre si lavora per una soluzione alla questione fiscale, sul fronte tecnico si riparte da un’operazione di grande impatto emotivo: il ritorno alla Lazio di Paolo Di Canio. Il nuovo allenatore è Domenico Caso, altro personaggio di rilievo nella storia biancoceleste. La squadra viene completata con l’acquisto, divenuto proverbiale, di nove calciatori nell’ultimo giorno di mercato: tra illustri sconosciuti e mezze figure, spicca il nome del centravanti Tommaso Rocchi, prelevato dall’Empoli. Lotito snellisce la struttura decisionale della società, adottando il sistema dualistico, che gli consente un controllo pressoché totale della Lazio.


2004-2006: il biennio terribile

I rapporti con l’ambiente laziale, dopo l’entusiasmo d’obbligo nei confronti di colui che, necessariamente, viene identificato nel salvatore della Patria, cominciano a deteriorarsi in breve tempo. L’attenzione maniacale ai conti viaggia a braccetto con l’assoluta indifferenza nei confronti di tutto ciò che viene identificato, a torto o ragione, con la cosiddetta “lazialità”: ne fa le spese un po’ tutto il mondo Lazio, che vede sparire uno alla volta tutti i punti di riferimento all'interno della società e assiste perplesso alla reazione infastidita di Lotito quando gli vengono ventilati i possibili ritorni di Chinaglia, che si offre per un ruolo dirigenziale, e di Alessandro Nesta. Viene allontanato anche Volfango Patarca, storico allenatore del settore giovanile, sostituito da Giulio Coletta.

La stagione 2004-05 si conclude con due successi fondamentali per i colori biancocelesti: il debito Irpef, accumulato durante le gestioni di Cragnotti e Capitalia, viene dilazionato in 23 anni grazie al ricorso alla discussa Legge 178/2002; la squadra guadagna la permanenza in Serie A, senza la quale sarebbe venuta meno la base – soprattutto economica – della continuità societaria. Lotito dimostra da subito di non essere certo entrato nel mondo del calcio per recitare un ruolo di secondo piano: a marzo del 2005 è già consigliere di Lega e a novembre viene incaricato, sempre in seno alla Lega, di occuparsi della questione dei diritti televisivi. Sul piatto il presidente cala anche, fin dal primo giorno, la questione-stadio: la Lazio ha bisogno di un suo impianto, spiega, e i terreni che possiede sulla Tiberina sembrano il luogo ideale per costruirlo. Ad agosto del 2005 si vocifera di un suo coinvolgimento nel tentativo, poi fallito, dell'imprenditore ciociaro Giovannone di acquistare il Torino.

Superata la prima fase di emergenza, la squadra viene rafforzata e ringiovanita. La guida tecnica, a partire dalla stagione 2005-06, è affidata a Delio Rossi, allenatore di scuola tattica zemaniana, e i risultati non tardano ad arrivare. Ma la popolarità di Lotito in questa fase scende ai minimi termini, per effetto di una durissima contestazione da parte della tifoseria organizzata, che riesce a coinvolgere anche una parte significativa dell’opinione pubblica. Il colmo del dissenso si raggiunge quando viene prospettata l’esistenza di una cordata ungherese pronta a rilevare la Lazio: il presunto tentativo di acquisizione della società (tentativo che si dimostrerà in seguito inesistente) ha come suo rappresentante Giorgio Chinaglia, il cui carisma indurrà molti tifosi a credere alla reale consistenza dei possibili acquirenti e, quindi, a contestare duramente Claudio Lotito che, di fronte alle modalità inusuali con cui avviene la manifestazione d’interesse, non può che opporre il rifiuto a sedersi a qualsiasi “tavolo”. Le attività investigative e di vigilanza smascherano l’inesistenza della “cordata”: la pressione sulla società si allenta, mentre la squadra vola verso un ottimo sesto posto finale. Ma una nuova minaccia incombe sulla Lazio: la procura di Napoli sta indagando su alcune partite di Serie A degli ultimi due campionati, e il 12 maggio anche Lotito è nell’elenco delle 41 persone “invitate a comparire” dai magistrati partenopei.

In base alle risultanze delle indagini, emerge l’esistenza di un “grumo di potere” che avrebbe come scopo ultimo quello di manipolare i risultati delle partite di campionato, soprattutto durante la stagione 2004-2005, attraverso pressioni sugli arbitri e sui designatori e con la complicità di dirigenti della Federazione, fino ai massimi livelli. Il personaggio-simbolo di questo “sistema” è Luciano Moggi che, oltre a manovrare arbitri e Federazione nell’interesse della Juventus, condizionerebbe anche le trattative di mercato tramite la GEA, un’associazione di procuratori che agirebbe in maniera decisamente spregiudicata. Sono coinvolti nella vicenda anche il Milan, la Fiorentina e, appunto, la Lazio: Lotito, nello specifico, è accusato di aver richiesto designazioni “di favore” per alcune partite, e in ogni caso di aver sollecitato un atteggiamento di benevolenza nei confronti della Lazio. L'inchiesta si basa in buona parte su intercettazioni telefoniche, dalle quali in realtà non sembrano emergere particolari elementi a carico di Lotito.

Lo scandalo, poi passato alla storia col nome di “Calciopoli”, investe il calcio italiano come un ciclone: sono coinvolti i due club più vincenti e rappresentativi del nostro calcio, mentre l’altra “grande” storica, l’Inter, appare come la vittima principale di un sistema che, di fatto, le impedisce di competere. Mentre l’inchiesta giudiziaria prende corpo e inizia il suo percorso, la giustizia sportiva emette rapidamente le sentenze di primo grado: il 14 luglio 2006, pochi giorni dopo che la Nazionale ha conquistato il titolo mondiale in Germania, la CAF (in questa vicenda organo giudicante di primo grado) condanna la Lazio alla retrocessione in Serie B, assieme a Juventus e Fiorentina. Nel campionato cadetto, inoltre, i biancocelesti partiranno con una penalizzazione di sette punti. Ma il 25 luglio la Corte Federale, in appello, commuta la pena in una penalizzazione di 30 punti per la stagione 2005-06 che, in base al principio dell’afflittività, toglie alla Lazio quel sesto posto in classifica che le garantiva la partecipazione alla Coppa Uefa. Altri undici punti di penalizzazione vengono comminati ai biancocelesti per il campionato successivo: elemento che, sommato ai dubbi sullo spessore tecnico della squadra e alla situazione ambientale ancora estremamente negativa, fa pensare a una stagione di nuove tribolazioni. Lotito deve fronteggiare anche un'indagine, avviata dalla procura di Milano, per un presunto patto parasociale occulto con Pietro Mezzaroma, all'epoca dell'ingresso nella Lazio.


2006-2010: gli anni del consolidamento

Il campionato 2006-07 inizia in un clima di grande preoccupazione, a causa soprattutto della grave penalizzazione (la Lazio parte da -11) inflitta alla squadra. Dopo un avvio incerto, cominciano ad arrivare i primo risultati positivi e, nel contempo, la penalizzazione viene ridotta a soli tre punti. La Lazio ottimamente guidata da Delio Rossi e impermeabile al clima di perenne contestazione che aleggia nello stadio, dopo una splendida galoppata in cui mette insieme anche una serie di otto vittorie consecutive, conquista un terzo posto del tutto insperato, che le vale l’accesso al terzo turno preliminare di Champions League. Nella seconda metà del 2006, Lotito acquista le azioni in possesso di Mezzaroma e lancia la conseguente OPA obbligatoria sull'intero pacchetto azionario: ai primi di febbraio il presidente controlla, attraverso successive acquisizioni, oltre il 61% della Lazio, restando tuttavia ben lontano da quel 90% che comporterebbe l'uscita della società (delisting) dal mercato borsistico.

La figura di Lotito, in questa fase storica, gode di un forte rilancio: sempre attivo e battagliero sul fronte-stadio e uscito indenne, se non rafforzato, da Calciopoli e da contestazioni durissime, il presidente della Lazio sembra anche in grado di poter costruire, pur senza grosse risorse, una Lazio competitiva. Ma la gestione della società, ancora necessariamente improntata al contenimento feroce dei costi, si rivela incompatibile con la crescita tecnica: il mercato per la stagione che potrebbe vedere la Lazio impegnata nel massimo torneo continentale, è ancora fatto di scommesse e piccoli ritocchi. Il 28 agosto 2007, a Bucarest, la Lazio conquista contro la Dinamo la fase a gironi di Champions League: è un momento di grande entusiasmo, subito gelato però dal mancato rafforzamento della rosa negli ultimi giorni di mercato: le polemiche avranno come effetto le dimissioni del DS Walter Sabatini.

Il 23 ottobre 2007 Lotito viene rinviato a giudizio per aggiotaggio, sempre in relazione alla vicenda del patto parasociale con Pietro Mezzaroma; a novembre la Consob comunica che la quota azionaria controllata da Lazio Events ha raggiunto il 65,001%. La stagione sportiva è deludente e si conclude con un dodicesimo posto in classifica. La gestione finanziaria della società impone ancora un contenimento del monte-ingaggi tale da rendere improponibile la permanenza stabile della squadra ad alti livelli: tuttavia non mancano i momentanei exploit, il più significativo dei quali è rappresentato dall’acquisto per la stagione 2008-09 (in prestito con diritto di riscatto, una formula adottata sistematicamente proprio da Lotito e in seguito copiata da tutti i club) dell’argentino Mauro Zarate, che irrompe nel campionato italiano a suon di gol, finte e dribbling, tanto da diventare subito un idolo del pubblico laziale. Il talento di Zarate, tuttavia, non viene gestito al meglio dallo stesso calciatore e dal suo corposo entourage, e già a metà campionato l’argentino subisce un’involuzione, che condiziona pesantemente anche il rendimento della squadra. Ma Zarate firma il finale di stagione con alcuni gol strepitosi, che trascinano la Lazio al successo per 4-2 nel derby contro la Roma (per la prima volta nella storia la Lazio rifila quattro reti in campionato ai cugini) e soprattutto alla vittoria in Coppa Italia, che la Lazio conquista all’Olimpico contro la Sampdoria di Mazzarri. E’ il primo trofeo della gestione di Lotito. La finale di Coppa Italia è anche l’ultima partita di Delio Rossi alla guida della Lazio: con il tecnico romagnolo si conclude, suo malgrado, un rapporto ormai deteriorato. Sempre movimentato anche il fronte giudiziario: il 3 marzo Lotito viene condannato in primo grado a due anni di reclusione per aggiotaggio, per la citata vicenda del patto parasociale.

Ancora una volta, i successi tecnici fanno sperare nel “salto di qualità”, definizione fin troppo abusata per indicare quella stabilità ad alti livelli che i tifosi anelano da tempo; ancora una volta le aspettative resteranno deluse. Il riscatto di Zarate dall’Al Saad, il club arabo proprietario del cartellino del calciatore, è l’unica operazione di mercato di un certo spessore per la stagione 2009-10. Il nuovo allenatore è Davide Ballardini, che si è messo in luce nel Cagliari e nel Palermo. Il nuovo direttore sportivo è Igli Tare che, smessi i panni da calciatore nel 2008, viene subito nominato coordinatore dell'area tecnica, in attesa di conseguire il diploma di DS a Coverciano. Goran Pandev e Ledesma, elementi di grande importanza nella rosa laziale, rifiutano le proposte di rinnovo contrattuale da parte della società, e Lotito reagisce in maniera intransigente: i due vengono messi fuori rosa. L'8 agosto, nella finale di Supercoppa di Lega, che si gioca a Pechino la Lazio, finalmente assistita da un pizzico di fortuna, batte 2-1 l’Inter di Mourinho e conquista il trofeo: sarà l’unico lampo di una stagione complicata. Il 3 settembre 2009 è eletto consigliere federale: prosegue la scalata alle "poltrone" del calcio nazionale. L’allenatore Ballardini non si dimostra all’altezza della situazione e l’indisponibilità di Pandev e Ledesma deprime in maniera pesante il potenziale tecnico della squadra. I due calciatori avviano la procedura di richiesta di svincolo per inadempienza della società: il collegio arbitrale della Lega darà ragione a Pandev, che pochi giorni dopo firmerà un contratto con l’Inter, mentre il ricorso di Ledesma viene respinto. Il mercato invernale è condotto all’insegna di robusti interventi, ma il 9 febbraio, in seguito alla sconfitta interna contro il Catania, Ballardini viene esonerato e la squadra è affidata a Edoardo Reja, che interrompe il rapporto con l’Hajduk di Spalato per tornare in Italia. Nemmeno il cambio di panchina e il reintegro in squadra di Ledesma sortiscono effetti immediati, e alla XXVIII giornata, contro il Bari, di fronte a un pubblico numeroso accorso in sostegno della squadra in difficoltà, la Lazio incassa una bruttissima e netta sconfitta, uno 0-2 che gela lo stadio e fa temere seriamente la retrocessione in Serie B. La scossa giunge grazie a un contestato ritiro a Norcia, ma in realtà si rivelano essenziali i nuovi acquisti e il reintegro di Ledesma, che accrescono notevolmente la qualità della squadra, permettendo un finale di stagione che scaccia gli incubi e vede la Lazio risalire fino al dodicesimo posto finale. A febbraio è cresciuta ancora la quota detenuta da Lazio Events, arrivata al 66,6%.


2010-2015:gli anni della crescita

Il mercato per la stagione 2010-11 è condotto, finalmente, all’insegna di una disponibilità economica decisamente superiore al passato, per acquisti e ingaggi. Alla nona giornata la Lazio è addirittura in testa alla classifica con quattro punti di vantaggio sugli inseguitori, ma la graduatoria sopravvaluta evidentemente i biancocelesti, che con una sconfitta nel derby iniziano un lento declino: la stagione si concluderà con il quinto posto in graduatoria, e la quarta piazza che avrebbe comportato il possibile accesso in Champions League viene mancata soltanto per la differenza reti generale contro l’Udinese. Il rilancio tecnico della squadra, tuttavia, questa volta sembra poggiare su basi solide. Mentre il presidente conduce la sua battaglia per la redistribuzione dei diritti televisivi e acquista (assieme a Marco Mezzaroma) la Salernitana, la Lazio si rinforza con calciatori di assoluto prestigio internazionale: su tutti spiccano i nomi del francese Djibril Cisse e del tedesco Miroslav Klose. In due stagioni, come illustra un articolo della Gazzetta dello Sport, la spesa per ingaggi è più che raddoppiata. Il 3 agosto 2011 viene inibito per due mesi (pena in seguito ridotta di 15 giorni) per le dichiarazioni rilasciate tempo prima contro il presidente del Coni Petrucci, che aveva definito “estorsore” in relazione alla questione del canone per l’affitto dello stadio Olimpico. Il 9 novembre 2011 arriva la condanna di primo grado per Calciopoli, 15 mesi per frode sportiva. La Corte di Giustizia della FIGC, in seguito, si pronuncia sugli effetti della condanna e precisa che la sospensione dalla carica di consigliere federale prevista dall’art. 22 delle NOIF (norme interne) può essere comminata solo in presenza di una sentenza definitiva. Il 12 marzo 2012 viene condannato in appello a un anno e mezzo per aggiotaggio, per la vicenda del patto parasociale con Mezzaroma, risalente al 2005. Il 27 aprile 2012 viene squalificato per dieci mesi per irregolarità nelle operazioni di mercato; il 13 marzo viene ridotta a 18 mesi la condanna per aggiotaggio subìta in primo grado nel 2009. Il 2 giugno del 2012 il TAR conferma la sospensione dal Consiglio Federale, deliberata a febbraio in seguito alla condanna in primo grado per il processo "Calciopoli". La squadra sfiora per il secondo anno la qualificazione ai preliminari di Champions League: da questa stagione i posti utili sono i primi tre e la Lazio giunge quarta, beffata ancora una volta dall’Udinese.

Per la stagione 2012-13 viene ingaggiato l’allenatore Vladimir Petkovic, bosniaco naturalizzato svizzero, proveniente dal Sion. Il 2 ottobre 2012 viene assolto in appello dall’accusa di violenza privata, in relazione a una denuncia del 2005, quando in realtà fu oggetto di uno scambio di persona. Il 14 novembre viene deferito per comportamenti scorretti nei confronti di un giornalista di un quotidiano romano, sarà multato. Il 7 dicembre la procura federale archivia il procedimento nei suoi confronti per violazione della clausola compromissoria, in relazione alla sospensione dalla carica di consigliere federale. Il 26 maggio 2013 la Lazio conquista la Coppa Italia in finale contro la Roma: è il terzo trofeo della presidenza di Lotito. Il 22 novembre arriva l'assoluzione definitiva dall'accusa di aggiotaggio.

La stagione 2013-14 inizia con difficoltà per Petkovic e dopo la sconfitta contro il Verona alla XVII giornata, in panchina viene richiamato Edy Reja, che riporta la squadra a un buon rendimento ma non riesce a centrare la qualificazione all’Europa League. In estate Lotito è il principale sostenitore della candidatura di Tavecchio alla presidenza della FIGC: l'ex presidente della Lega Dilettanti prevale sull'altro candidato, Demetrio Albertini. Gli osservatori più polemici iniziano a lamentare una concentrazione di potere eccessiva, o comunque il tentativo di perseguirla, da parte di Lotito: contestazione questa già mossa quando il presidente della Lega di A, Maurizio Beretta, veniva sospettato di eccessiva sensibilità (tanto da essere soprannominato ironicamente "dimmi Claudio") nei confronti delle istanze di Lotito.

Il nuovo allenatore per la stagione 2014-15 è Stefano Pioli: l’8 aprile 2015, grazie al successo al San Paolo contro il Napoli, la Lazio raggiunge la terza finale di Coppa Italia della gestione di Lotito.


Palmares



Articoli correlati:

L'avvento di Claudio Lotito alla Lazio

L'accordo con l'Agenzia delle Entrate



Torna ad inizio pagina