Domenica 21 ottobre 1962 - Roma, stadio Olimpico - Lazio-Como 2-0

Da LazioWiki.

Stagione

Turno precedente - Turno successivo

21 ottobre 1962 - 6 - Campionato di Serie B 1962/63 - VI^ Giornata

LAZIO: Cei, Zanetti, Pagni, Landoni, Seghedoni, Gasperi, Bizzarri, Governato, Bernasconi, Morrone, Maraschi. All. Lovati. D.T. Lorenzo.

COMO: Geotti, Ballarini, Bessi, Stefanini II, Manzoni, Invernizzi, Carminati, Teneggi, Sartore, Derlin, Morelli. All. Cappelli.

Arbitro: sig. Barolo (Cuneo).

Marcatori: 54' Morrone, 87' Ballarini (aut).

Note: giornata serena, temperatura mite, terreno ottimo. Ammonito Manzoni. Calci d'angolo: 3-1 a favore della Lazio.

Spettatori: 20.000.

Dopo la vittoriosa trasferta a Lucca, la Lazio cerca il primo successo casalingo in Campionato. Tiene ancora banco in settimana la campagna acquisti. Dopo il ritorno in comproprietà di Rozzoni, all'Udinese vanno in prestito per un anno Carosi e Pinti, si cerca un difensore tra i nomi di Garbuglia della Sambenedettese e Giavara del Catanzaro. La squadra, che sta assorbendo gli schemi e i carichi di lavoro del neo allenatore Lorenzo, disputa una brutta prima frazione di gioco, risollevandosi nei secondi 45 minuti. Prima emozione al 12' con un traversone ficcante di Governato controllato in bello stile da Geotti. Poco dopo buona combinazione Morrone-Bernasconi con pallone fuori di mezzo metro. Al quarto d'ora la risposta comasca con un tiro di Teneggi bloccato da Cei. Dopo un tentativo a vuoto di Maraschi segue un periodo di stanca. Al 26' sono gli ospiti a riaccendere la sfida allorché un traversone di Sartore trova Teneggi liberissimo a sei metri dalla porta. Il violento tiro a botta sicura viene respinto da una prodezza di Cei. Poco dopo la mezz'ora conclusione fuori bersaglio di Morrone e altra opportunità per Teneggi che sbaglia non di molto. Negli spogliatoi Lorenzo catechizza i suoi sistemando le posizioni dei tre centrocampisti Gasperi , Landoni e Governato. Gli effetti sono immediati e nella zona nevralgica del campo i biancocelesti annullano quell'Invernizzi che malgrado l'età ha illuminato la scena e al tempo stesso emergono in fase propositiva. Dopo una deviazione fuori misura di Maraschi arriva il vantaggio romano. Landoni azzecca la giocata in profondità e Morrone, scattato a meraviglia, fulmina il portiere in uscita. Lariani costretti a recuperare e biancocelesti pronti a ripartire in contropiede. Al 59' Landoni coglie l'esterno della rete e quindi il solito Teneggi ci prova da lontano, ma Cei non si lascia sorprendere. Una punizione di Morrone all'82' e un'incursione di Maraschi all'85' anticipano il raddoppio. Ballarini devia nella sua porta un tiro di Morrone. Finisce tra gli applausi dei ventimila dell'Olimpico.




Torna ad inizio pagina