Domenica 18 ottobre 1970 - Roma, stadio Flaminio - Lazio A-Lazio B 11-1


Stagione

Amichevole precedente - Amichevole successiva

11 ottobre 1970 - Amichevole 1970/71

LAZIO A: Moriggi (Di Vincenzo), Wilson, Legnaro, Governato (Chinellato), Polentes, Marchesi, Massa, Morrone (Manservisi), Chinaglia, Mazzola, Dolso.

LAZIO B: Fiorucci (Marsili), Marchetti, Ronda, Nanni, Perotti (Vitangeli), Caroletta, Concari (75' Papi), Ferioli (75' Della Vedova), Andreuzza, Fortunato, Vulpiani.

Arbitro: Peltroni (Roma).

Marcatori: 10' Caroletta (aut), 31' Mazzola, 43' Chinaglia, 44' Massa, 51' Mazzola, 61' Mazzola, 63' Chinaglia, 65' Chinaglia, 74' Caroletta, 78' Mazzola, 79' Legnaro, 83' Chinaglia.

Note: prima dell'incontro medaglie d'oro sono state consegnate al presidente Lenzini, all'allenatore Lorenzo, a Governato (per le oltre 200 presenze in biancoceleste), a Morrone, alla decima stagione a Roma, a Massa, per la convocazione nell'Under 23 e a Chinaglia nell'augurio di una prossima chiamata della Nazionale maggiore.

Spettatori: 12.000 per un incasso di £. 7.000.000.

Festa in famiglia per la Lazio con un'amichevole voluta da Lorenzo in occasione della sosta del campionato per via dell'impegno della Nazionale a Berna con la Svizzera. Preceduta da un incontro tra i giovanissimi biancocelesti (classe 1957) e i pari età della Orion Trastevere (successo dei primi per 6 a 0) e dall'esibizione della banda di Monterotondo, la partita ha messo in mostra tutte le forze della prima squadra e della formazione De Martino. Applausi per tutti e in particolare per Mazzola autore di quattro segnature spettacolari e per Chinaglia anche lui a segno con un poker. Tra i giovani ottima la prova di Nanni e convincente la prestazione di Ferioli; bocciato invece l'esperimento di Andreuzza come attaccante. Da segnalare infine la presenza di molti vip dello spettacolo come Ugo Tognazzi, che ha battuto il calcio d'inizio, della moglie Franca Bettoja, Massimo Ranieri (suo il calcio d'avvio nella ripresa), il cantante Sergio Leonardi e l'immancabile Enrico Montesano.