Domenica 26 luglio 2020 - Verona, stadio M. Bentegodi - Hellas Verona-Lazio 1-5


InCostruzione.jpg

Stagione

Turno precedente - Turno successivo

26 luglio 2020 - Verona, stadio M. Bentegodi - Campionato di Serie A, XXXVI giornata - inizio ore 19.30


HELLAS VERONA: Radunovic, Veloso, Rrhamani, Gunter, Faraoni (79' Di Marco), Pessina, Amrabat, Lazovic, Borini (67' Di Carmine), Zaccagni (67' Salcedo), Eysseric. A disposizione: Silvestri, Berardi, Badu, Stepinski, Lucas Felippe, Terracciano. Allenatore: Juric.

LAZIO: Strakosha, Patric (65' Vavro), Luiz Felipe, Acerbi, Marusic (88' Armini), Milinkovic (88' André Anderson), Parolo, Luis Alberto, D. Anderson (65' Lukaku), Correa (68' Caicedo), Immobile. A disposizione: Proto, Guerrieri, Bastos, Cataldi, Falbo, Jony, Adekanye. Allenatore: S. Inzaghi.

Arbitro: Sig. Volpi (Arezzo) - Assistenti Sigg. Valeriani e Galetto - Quarto uomo Sig. Ros - V.A.R. Sig. Fabbri - A.V.A.R. Sig. Meli.

Marcatori: 39' Amrabat (rig), 45'+6' Immobile (rig), 56' Milinkovic, 63' Correa, 84' Immobile, 90'+4' Immobile (rig).

Note: ammonito al 45'+2' Rrhamani, al 67' Marusic ed al 90'+3' Radunovic tutti per gioco falloso, all'86' Strakosha per comportamento non regolamentare. Angoli 8-6. Effettuati n. 2 "cooling break" al 26' di ciascun tempo. Recuperi: 5' p.t., 5' s.t.

Spettatori: -.


Ciro Immobile, tripletta odierna per il bomber biancoceleste
Foto Getty Images
Il tiro vincente di Joaquin Correa
Foto Getty Images
Il tiro con il quale Ciro Immobile segna la spettacolare quarta rete laziale
Foto Getty Images
Sergej Milinkovic-Savic
Foto Getty Images
Luis Alberto in azione
Foto Getty Images
Djavan Lorenzo Anderson
Foto Getty Images
Marco Parolo e Luis Alberto
Foto Getty Images
Joaquin Correa
Foto Getty Images
L'esultanza di Ciro Immobile dopo una marcatura
Foto Getty Images
Esultanza biancoceleste
Foto Getty Images

I calciatori convocati per la partita odierna

La Gazzetta dello Sport titola: "La Lazio rimonta, dilaga e aggancia l’Atalanta. Verona deve arrendersi. Tripletta di Immobile tra le reti di Milinkovic e Correa: raggiunta la Dea al terzo posto. Amrabat al primo gol".

Continua la "rosea": La Lazio passeggia sui resti del Verona, Immobile vola tra i grandi della storia. Dopo l’aritmetica qualificazione in Champions, conquistata tre giorni prima, la squadra biancoceleste vince anche a Verona. Con una goleada che mancava dall’era pre-covid e con una prestazione che se da un lato restituisce al campionato un’immagine più consona della banda Inzaghi, dall’altro alimenta anche i rimpianti per un finale di campionato che avrebbe potuto avere tutto un altro sapore. La Lazio insomma, si ritrova. Troppo tardi per lo scudetto, ma in tempo per provare a conquistare una posizione migliore della quarta (intanto raggiunge l’Atalanta al terzo posto, l’Inter, seconda, è a un punto) e soprattutto per regalare a Immobile un sogno grande così. Come un’orchestra. L’attaccante è il grande protagonista della giornata, con una tripletta che gli consente di staccare Ronaldo nella classifica cannonieri e agguantare Lewandowski in testa alla Scarpa d’oro. Immobile apre e chiude le marcature dal dischetto, in mezzo però piazza anche un gol da cineteca (tiro a giro sul secondo palo). Le altre marcature sono di Milinkovic, ancora a segno (stavolta su punizione, grazie alla deviazione di Pessina) e del redivivo Correa (pure lui aiutato dal tocco di un avversario, Gunter). Vittoria larga e senza discussione, anche se di rimonta. Esattamente come le altre tre ottenute dai biancocelesti nel campionato del dopo lockdown. Segno che, forse, più che un problema di condizione, quello della formazione romana è (era) un blocco psicologico.

Anche al Bentegodi, come già con Fiorentina, Torino e Cagliari, lo svantaggio iniziale sveglia i biancocelesti. Il gol segnato da Amrabat su rigore (fallo di Luiz Felipe su Zaccagni, per il marocchino è il primo gol col Verona) anziché deprimerla dà il via alla recita della squadra di Inzaghi. Che, specie nella ripresa, gioca sul velluto. La manovra è di nuovo fluida, grazie alle illuminazioni di Luis Alberto, agli scambi stretti tra lo stesso spagnolo e Milinkovic e tra loro e i due attaccanti Immobile e Correa. La crescita di Parolo come play fa il resto. Verona rimaneggiato. Il Verona regge bene nella prima frazione, poi alla distanza deve alzare bandiera bianca, anche se ha il merito di provare fino alla fine di rientrare in partita (e se non ci fosse uno Strakosha superlativo potrebbe pure accorciare le distanze). Per la squadra di Juric è la terza sconfitta nelle ultime sette gare. Un finale in calando che non offusca minimamente l’ottima stagione vissuta dai veronesi. Per i quali oltretutto le attenuanti non mancano. Troppe le assenze che Juric deve fronteggiare. Al tecnico manca mezza difesa e deve arretrare Veloso. E in avanti si inventa Eysseric falso nueve, con Borini e Zaccagni a supporto. Chiaro l’intento di tenere la squadra il più possibile compatta contro un avversario dalla qualità maggiore. Il disegno riesce fino all’intervallo. Nel finale Juric prova a dare più peso all’attacco con gli innesti di Di Carmine e Stepinki che producono anche occasioni da gol, ma sbilanciano la squadra e consentono alla Lazio di dilagare.


► Il Corriere dello Sport titola: .

Prosegue il quotidiano sportivo romano:


Il Messaggero titola: .

Prosegue il quotidiano romano:


► Tratte dal Corriere dello Sport alcune dichiarazioni post-gara:



La formazione iniziale biancoceleste in grafica



► Per questa partita il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi ha convocato i seguenti calciatori:

I convocati in grafica




<< Turno precedente Turno successivo >> Torna alla Stagione Torna ad inizio pagina