Giovedì 4 novembre 1948 - Roma, Stadio Nazionale - Lazio-Bari 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

4 novembre 1948 - Campionato Italiano di calcio Divisione Nazionale Serie A 1948/49 - VIII giornata

LAZIO: Brandolin, Remondini, Piacentini, Montanari, Gualtieri, Alzani, Puccinelli, De Lazzari, D'Avino, Tavellin, Nyers (II). All. Tognotti.

BARI: Moro, Pietrasanta, Carlini, Ottogalli, Isetto, Orlando, Cavone, Canonico, Kincses, Hrotko, Fiumi.

Arbitro: sig. Zambotto di Padova.

Marcatori: pt 5' Puccinelli, st 11' Fiumi.

Note: giornata di sole, terreno in condizioni ideali. Al 37' del pt Piacentini, dolorante, si è spostato all'ala destra. Presente in tribuna l'on. Andreotti. Calci d'angolo 4 a 3 in favore del Bari.

Spettatori: 9.000 dei quali 1.500 baresi.

Da Avanti! del 5/11/1948

Il Bari non ha neanche faticato molto a portarsi via un punto ed è andato vicino a prendersene due. La Lazio è in grave crisi tecnica e non possiede né uno straccio di gioco, né la forza d'animo per ribaltare lo stato di apatia e di rassegnazione che avviluppa i suoi calciatori. Questa volta la partita si era messa pure bene, perché già al 5' Penzo aveva lanciato Puccinelli che, convergendo al centro, aveva fatto partire un tiro maligno che si infilava nell'angolo alla destra di Moro. Il Bari non si è scomposto; con metodo, senza affanno, ha cominciato a macinare il suo gioco, impostandolo su quel cesellatore che è Kincses il quale ha fatto filtrare continuamente palloni su palloni tra le larghe maglie del centrocampo biancoceleste che non è riuscito a tenere il confronto in linea tecnica. Il pareggio del Bari all'11' del secondo tempo, taglio di Kincses per Fiumi che ha fulminato imparabilmente Brandolin, è stata l'inevitabile conseguenza del comportamento tenuto in campo. Certo è che la Lazio è l'ombra della squadra che dovrebbe essere. La sorregge ancora la classe di alcuni elementi, Brandolin, Piacentini, Gualtieri, Alzani, Puccinelli, che le impediscono di crollare, ma è ben altro ciò che i sostenitori biancocelesti si sarebbero aspettati dopo i roboanti proclami estivi.