Domenica 24 aprile 1960 - Firenze, stadio comunale - Fiorentina-Lazio 2-2


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

24 aprile 1960 - Campionato di Serie A 1959/60 - XXVIII giornata

FIORENTINA: Sarti, Rimbaldo, Castelletti , Chiappella, Orzan, Segato, Hamrin, Benaglia, Montuori, Lojacono, Azzali. All. Carniglia.

LAZIO: Cei, Molino, Lo Buono, Carradori, Janich, Fumagalli, Visentin, Pozzan, Rozzoni, Franzini, Mattei. All. Bernardini.

Arbitro: Rigato di Mestre.

Marcatori: 5' Mattei, 47' Azzali, 55' Hamrin, 90' Carradori.

Note: tempo incerto, terreno in buone condizioni. Calci d'angolo: 7-2 a favore della Fiorentina.

Spettatori: 20.000 circa.


Inaspettato quanto meritato pareggio quello che la Lazio ottiene a Firenze. Contro i viola impegnati nella corsa allo scudetto, la squadra di Bernardini offre una delle migliori prestazioni della stagione. Dopo una settimana caratterizzata più dal gossip legato al "caso Tozzi" (spunta una misteriosa attricetta bionda platino nelle notti trascorse in clinica dal brasiliano), la squadra biancoceleste si presenta all'appuntamento del Comunale ben concentrata. Dopo cinque minuti di gioco è Mattei a sbloccare il risultato. Rimbaldo riesce ad interrompere in area uno scambio tra Carradori e Rozzoni ma, forse aspettando l'intervento di Sarti, cincischia sul pallone. L'esitazione è fatale e il giovane attaccante riesce ad intervenire spedendo il pallone in rete. La reazione della Fiorentina è disordinata e l'assenza di un regista d'ordine come Gratton si fa molto sentire. La Lazio con marcature serrate riesce a bloccare tutti i tentativi dei padroni di casa. Lo Buono, in particolare, appare in grande giornata mettendo la museruola a un cliente difficile come Kurt Hamrin. Solo al 23' i gigliati vanno vicini al pareggio con Azzali che in mischia colpisce il palo; per il resto solo ordinaria amministrazione per Cei. Ad inizio ripresa vi è la possibilità di andare addirittura sul 2-0, ma Visentin è troppo frettoloso nella battuta a rete. Come spesso accade a un goal fallito segue un goal subìto. Su punizione calciata da Hamrin, la difesa gioca alle belle statuine e Azzali di testa riesce a insaccare. Al 55' la Fiorentina riesce a passare in vantaggio. Mattei invece che appoggiare all'indietro verso il suo portiere perde tempo e consente il recupero del pallone ad Hamrin che rapido triangola con Benaglia e da pochi metri fulmina in rete. La Lazio non si scompone e continua a creare gioco. Negli ultimi minuti la sua offensiva è tambureggiante e la Fiorentina è tutta in difesa a protezione di un risultato fondamentale nella sua rincorsa alla capolista Juventus. All'85' bello spunto di Mattei con pallone che attraversa tutta l'area piccola dei toscani. All'89' una conclusione di Visentin accarezza il palo di Sarti. A una manciata di secondi dal termine arriva il sospirato pareggio. Carradori raccoglie una respinta della difesa e azzecca un fendente che finisce la sua corsa nell'angolino di Sarti che appare nella circostanza in evidente ritardo.



Torna ad inizio pagina