Sabato 18 giugno 1960 - Torino, stadio Comunale - Juventus-Lazio 3-0


Stagione

Coppa Italia 1959/60 – Semifinale.

(xxx^ ufficiale - xxx^ Coppa Italia)

JUVENTUS: Vavassori, Garzena, Sarti, Emoli, Cervato, Colombo, Nicolè, Boniperti, Charles, Sivori, Lojodice. All. Parola. D.T. Cesarini.

LAZIO: Lovati, Del Gratta, Eufemi, Pagni, Janich, Fumagalli, Joan, Pozzan, Visentin, Moroni, Mattei. All. Bernardini.

Arbitro: sig. Gambarotta di Genova.

Marcatori: 44' Cervato (rig), 46' Moroni (aut), 55' Charles.

Note: nella Lazio esordio in prima squadra per Pagni e Moroni. Infortunio al 43' per Sivori che non si ripresenta in campo ad inizio ripresa. Della comitiva laziale fanno parte anche le riserve Pezzullo e Riccioni.

Spettatori: 8.000 circa.

Per la trasferta a Torino Bernardini deve fare i salti mortali per potere allestire la formazione. Undici elementi della rosa non sono infatti a disposizione; all'appello mancano i miltari Rozzoni, Cei, Franzini e Recagni, gli infortunati Molino, Lo Buono e Carradori, i convalescenti Prini e Mariani e gli squalificati Carosi e Bizzarri. Giocoforza il tecnico ricorre a due giovani al debutto in prima squadra come Pagni e Moroni. Nessun problema invece per la Juve neocampione d'Italia che recupera i due terzini titolari Garzena e Sarti. La Lazio malgrado i problemi tiene molto bene il campo soprattutto nei primi venti minuti di gioco. Se i bianconeri vanno vicini alla marcatura con Boniperti al 12', i romani replicano con un contropiede che porta Visentin a sfiorare il palo con un diagonale. Al quarto d'ora, gioco di prestigio di Sivori che sulla linea di fondo supera tre avversari venendo però anticipato da Lovati al momento del tiro. Al 31' buona opportunità con Mattei che dai venti metri centra prima Colombo e poi nella ribattuta impegna severamente Vavassori che è costretto a rifugiarsi in angolo. Al 43' Sivori lancia Charles che in area è atterrato da Del Gratta. Il rigore, accordato da Gambarotta, viene trasformato dallo specialista Cervato. Nell'azione Sivori si procura uno strappo all'inguine che non gli permette di proseguire la gara. Alla ripresa del gioco arriva subito il raddoppio juventino. Nicolè viene contrastato da Del Gratta e il pallone perviene a Lojodice che da pochi metri calcia a rete: sulla traiettoria vi è Moroni il cui tocco risulta decisivo. Al 55' Charles sfrutta al meglio un lancio di Colombo e saetta a rete senza che Lovati possa far nulla: 3-0 e partita virtualmente chiusa. Nell'ultima mezz'ora non accade più niente se non qualche sgroppata di Charles che scalda il pubblico del Comunale.