Domenica 21 ottobre 1979 - Roma, stadio Olimpico - Lazio-Cagliari 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

21 ottobre 1979 - 2015 - Campionato di Serie A 1979/80 - VI giornata

LAZIO: Cacciatori, Tassotti, Citterio, Wilson, Manfredonia, Zucchini, Garlaschelli, Montesi, Giordano, Labonia, Viola. A disp.: Avagliano, Manzoni, Todesco. All. Lovati.

CAGLIARI: Corti, Canestrari, Longobucco, Casagrande, Ciampoli, Brugnera, Gattelli, Bellini, Selvaggi (74' Osellame), Marchetti, Piras. A disp.: Bravi, Melis. All. Tiddia.

Arbitro: G. Panzino (Catanzaro).

Marcatori: 30' Giordano, 48' Marchetti.

Note: in tribuna il segretario del PCI Enrico Berlinguer ed il neo-direttore di Paese Sera sen. Giuseppe Fiori.

Spettatori:

La curva nord
Un'azione della gara
Un'azione della gara
La cronaca della gara
Manfredonia contrasta Piras

Un Cagliari che sta riassaporando felicemente l'atmosfera della serie A, circondato da nuovi entusiasmi (ieri, oltre ad una folta rappresentanza rossoblu assiepata in curva Nord, è stato notato nella tribuna autorità anche il segretario del partito comunista on. Berlinguer, circondato da altri dirigenti del partito pure loro di origine sarda). Ha imposto autorevolmente il pareggio alla Lazio. Con un pizzico di fortuna dalla sua parte, la formazione isolana avrebbe potuto addirittura portarsi via i due punti. In tal caso i biancoazzurri romani avrebbero avuto ben poco da recriminare. La Lazio, infatti, ha disputato una gara assai mediocre, ribadendo la validità di un dato che appare positivo e inquietante nello stesso tempo: se non segna Giordano, come è avvenuto puntualmente anche ieri, i portieri avversari potrebbero dormire sonni tranquilli. Oltre a siglare la rete che ha portato provvisoriamente in vantaggio la sua squadra, Giordano è stato il solo raggio di luce, in un buio fittissimo illuminato in parte dalle buone prove di Viola e Montesi.

Tutta qui, la modestissima Lazio che è mancata sia nel gioco che sul piano dell'impegno. La compagine di Lovati è riuscita solo nel primo tempo a salvare in parte la faccia. Poi non è praticamente più esistita. I sardi di Tiddia, invece, hanno messo in vetrina un football piacevole, un po' scarno, ma assai preciso nel rispetto della geometria. Il reparto migliore del Cagliari è sembrato il centrocampo con il solito Casagrande autentico stantuffo, assecondato egregiamente da Gattelli, Bellini, Marchetti nel secondo tempo e Brugnera che deve aver scovato l'elisir della giovinezza. Selvaggi si è dimostrato ancora una volta abilissimo non tanto come attaccante puro, ma nelle vesti di suggeritore avanzato che sa indovinare il passaggio intelligente al compagno smarcato.

Infatti è scaturita da un suo allungo perfetto la manovra che ha messo in condizione Marchetti di segnare il gol del pareggio. Piras è stato il solito combattente, si è avvertito il suo peso nell'economia del gioco. Corti, fra i pali, è un portiere di autentica sicurezza. Insomma un bel Cagliari che è riuscito con sorprendente disinvoltura a conservare la sua imbattibilità. Se all'ultimo minuto di gioco Osellame, subentrato a Selvaggi che aveva speso molte energie, avesse trovato la freddezza per scavalcare il portiere avversario uscito alla disperata dai pali, i rossoblu avrebbero potuto conquistare il successo pieno. I laziali hanno lasciato lo stadio fra i fischi di disapprovazione, rimpiangendo forse l'assenza di D'Amico infortunato, il quale, nonostante le sue pause, nei 90 minuti di gioco riesce spesso ad inventare qualche numero di rilievo. Ma forse neppure D'Amico sarebbe servito a cancellare la deludente impressione suscitata dalla compagine biancoazzurra.

Fonte: La Stampa