Il Calciomercato 1927


Stagione

Il presidente Barisonzo, insieme al nuovo allenatore Sedlaceck, propone una squadra rinnovata ma non troppo competitiva. Sventato nel giugno 1927, grazie all'intervento del Generale Vaccaro, un bizzarro tentativo di matrice politica di far confluire la Lazio, insieme ad altre quattro società romane, nella costituenda A.S. Roma, rimase poco tempo per predisporre una squadra omogenea. Furono acquistati i due nuovi terzini Bottacini e Canestri, il centrale Paganini, Cappa e Gallani. In attacco Cevenini (V), Bodrato, Sanero, Lamon e Fenili. A questi, per completare la rosa, si aggiunsero i giocatori rimasti e cioè Sclavi, Nicolini, Zannelli, Nesi, Pardini, Berti, Ottier, Filippi, Okely (I), Okely (III), Saraceni (II) e Maneschi, quest'ultimo tornato alla Lazio dopo gli anni passati nell'Alba. A questi si aggiunsero molti giovani delle squadre minori.

Nelle liste di trasferimento pubblicate dalla Gazzetta dello Sport vengono inseriti i seguenti giocatori: Galli Olindo, Pacifici Claudio, Desideri Luigi, Berti Luciani Manrico, Bernardini Reno, Pagliaro Paolo, Boffi Massimo, Finesi Bruno, Carboni Carlo e Zitelli Agatino.