Domenica 15 settembre 2002 - Roma, stadio Olimpico - Lazio-Chievo 2-3


Stagione

Turno successivo

15 settembre 2002 - 3001 - Campionato di Serie A 2002/03 - II giornata

LAZIO: Peruzzi, Oddo (46' Sorin), Stam, Fernando Couto, Pancaro, Fiore, Giannichedda (72' Manfredini), Simeone (75' Inzaghi (II)), Stankovic, Corradi, C.Lopez. A disposizione: Marchegiani, Mihajlovic, D.Baggio, Castroman. Allenatore: Mancini.

CHIEVO: Lupatelli, Moro, Legrottaglie, D'Anna, Lanna, Cossato (72' Andersson), Perrotta, Corini, Franceschini (61' Della Morte), Bierhoff, Marazzina (84' Beghetto). A disposizione: Ambrosio, Mensah, D'Angelo, Pellissier. Allenatore: Del Neri.

Arbitro: Sig. Messina (Bergamo).

Marcatori: 5' Simeone, 14' D'Anna, 49' Bierhoff, 64' Corradi, 70' Della Morte.

Note: ammoniti Corradi, Stam, Corini e Legrottaglie per gioco scorretto, Lupatelli per comportamento non regolamentare. Recuperi: 2' p.t. e 4' s.t.

Spettatori: paganti 12.291 per un incasso di € 259.586,00, abbonati 25.008 per una quota di € 478.794,24.


Il biglietto della gara
Un'azione della gara

La Gazzetta dello Sport titola: "Il Chievo non tradisce mai".

Continua la "rosea": Simeone illude la Lazio, ma i veneti giocano all'attacco, rimontano e mettono subito in crisi Mancini. Le reti del Chievo firmate da D'Anna, Bierhoff e Della Morte. Di Corradi il momentaneo 2-2. Del Neri ha problemi sulle fasce? Ecco che il "tecnico dei miracoli" ti sfodera un 4-2-4.

La Lazio perde la prima partita casalinga del Campionato per 3-2 contro il Chievo definito "dei miracoli" per via del brillante gioco espresso. La partita è molto divertente per via delle numerose azioni da gol di entrambe le squadre con il Chievo molto efficace dalla metà campo in su ma molto imperfetto in difesa. Nella Lazio viene segnalata la non felice prestazione del duo Oddo - Sorin oltre la forzata assenza del regista di centrocampo Fabio Liverani. La Lazio passa in vantaggio ad inizio partita con Simeone abile ad approfittare di un errato posizionamento della difesa clivense. Purtroppo le successive "amnesie" difensive dei biancocelesti portano al sorpasso dei veneti: al 14' D'Anna, su palla inattiva, batte Peruzzi con un colpo di testa ed al 49' Bierhoff, dopo uno scambio con Marazzina, fulmina nuovamente il portiere biancoceleste.

La partita è interpretata meglio dal Chievo ma Stankovic colpisce un clamoroso palo sul risultato di parità dopo un cross di Stam. I biancocelesti riescono a pareggiare al 64' con Corradi su assist di Claudio Lopez ma al 70' i clivensi tornano nuovamente in avanti grazie a Della Morte che, in solitaria sgroppata, riesce a battere un Peruzzi non apparso ben posizionato. Nel finale il subentrato Simone Inzaghi si mangia clamorosamente il gol del pareggio ed il Chievo porta così a casa la vittoria.