Domenica 26 marzo 1961 - Roma, stadio Olimpico - Lazio-Fiorentina 1-2


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

26 marzo 1961 - Campionato di Serie A 1960/61 - XXV giornata

LAZIO: Pezzullo, Molino, Eufemi, Carradori, Napoleoni, Pagni, Bui, Pozzan, Rozzoni, Morrone, Prini. All. Flamini. D.T. Carver.

FIORENTINA: Albertosi, Gonfiantini, Robotti, Benaglia, Orzan, Rimbaldo, Hamrin, Lazzotti, Antoninho, Da Costa, Petris. All. Hidegkuti.

Arbitro: sig. Rebuffo di Milano.

Marcatori: 24' Pozzan, 61' Antoninho, 86' Pagni (aut).

Note: tempo buono, terreno in ottime condizioni. Esordio in serie A per Pierluigi Pagni classe 1939 e per Paolo Lazzotti classe 1941.

Spettatori: 35.000.

Dopo la bella vittoria nel derby, la Lazio deve continuare a far punti se vuole sperare di agganciare il treno della salvezza. La squadra prepara la sfida con la Fiorentina nel ritiro di Formia e Carver deve affrontare una situazione di emergenza per via delle assenze degli infortunati Janich, Lo Buono e Bizzarri e degli squalificati Carosi e Franzini. Per i viola, ormai fuori dalla lotta scudetto e con in testa le coppe, i problemi di organico sono ancora superiori. Non sono infatti disponibili: Montuori, Castelletti, Marchesi, Sarti, Malatrasi, Milan e Micheli. L’inizio della contesa è per gli ospiti con la Lazio attenta nella copertura e pronta a ripartire in contropiede. Al 12' uscita a vuoto di Pezzullo su punizione di Lazzotti e Petris in rovesciata non inquadra la porta. Al 24' matura il vantaggio laziale. Fallo di Benaglia su Morrone e punizione calciata con astuzia e potenza da Pozzan: il gran volo di Albertosi è inutile e il pallone gonfia la rete. Due minuti dopo il giovane portiere si riabilita con una stupenda deviazione in corner su rasoterra di Rozzoni. La partita scade nella fiacca generale animandosi solo al 43' allorché un guizzo di Hamrin viene bloccato da un'ottima uscita di Pezzullo. Nella ripresa i gigliati cambiano ritmo e mettono sotto assedio l'area dei romani. Solo al 59' un'azione combinata da Morrone e Rozzoni spezza il predominio dei viola e il tiro del centravanti obbliga Albertosi a un intervento di una certa difficoltà. Due minuti dopo e l'incontro torna sui binari della parità. Hamrin si fa largo sulla destra evitando prima l'esordiente Pagni e quindi Eufemi: sul cross Pezzullo tocca debolmente e Antoninho con un colpo di testa mette dentro facile facile. Per il brasiliano è il primo centro in serie A. La partita ripiomba nella noia generale facendo pensare che la divisione della posta faccia tutti felici. Una disgraziata autorete a pochi minuti dal termine, invece, regala ai toscani i due punti. E' l'86' quando Petris serve, dopo una sgroppata, il giovane Lazzotti che smista in area per l'accorrente Antoninho. Sul pallone entra in affannoso recupero Pagni che mette dentro la sua porta. Lazio groggy e Fiorentina ancora vicina al goal con Lazzotti al quale si oppone in uscita Pezzullo. In chiusura i biancocelesti le tentano tutte ma i tentativi di Morrone e di Rozzoni non vanno a buon fine. La partita iniziata con grandi speranze si chiude con una sconfitta che porta la Lazio a sei punti dalla zona salvezza. Solo un miracolo può beneficiare la squadra a nove giornate dal termine.