Sabato 19 luglio 2008 - Auronzo di Cadore, stadio Rodolfo Zandegiacomo - Lazio-Auronzo 7-0


Stagione

Amichevole precedente - Amichevole successiva

19 luglio 2008 - 2^ amichevole precampionato - inizio ore 18.00

AURONZO: A.Zandergiacomo, Tolazzi, E.Zandergiacomo, De Mario, Laguna, S.Cian, D.De Filippo, Da Corte, Soravia, G.Martini, D'Ambros. A disposizione: Riva, Festini, Bombasei, Fiori, A.Da Corte, Vielmo, Tosibosco, De Lorenzo, Largura. Allenatore: Ben.

LAZIO (I TEMPO): Carrizo, Siviglia, Cribari, Radu, Belleri, Dabo, Ledesma, Mauri, Kolarov, Pandev, Zarate.

LAZIO (II TEMPO): Muslera, Diakite, Cribari, Radu, Faraoni, Cinelli, Ledesma, Meghni, Manfredini, Foggia, Mendicino. Allenatore: D.Rossi.

Arbitro: Sig. Sepanto (Belluno).

Marcatori: 10' Pandev, 14' Kolarov, 16' Mauri, 39' Pandev, 43' Zarate, 71' Mendicino, 74' Mendicino.

Note: pomeriggio caldo. Fabio Firmani è out per una contrattura ai flessori della gamba sinistra. Stephen Makinwa affaticato.

Spettatori: 1.500 circa.


Alcune fasi della gara riprese dal Corsport
Mauro Zarate in azione
Il bomber argentino in un momento dell'incontro
Il titolo del Corsport del 20/7/08

Seconda gara amichevole ed un'altra vittoria chiara e cristallina, arrivata al termine di una prova più che convincente. Il 7-0 finale contro i dilettanti locali avrebbe potuto avere uno score maggiore. Ottima la prova di Pandev e Zarate, che hanno affinato ancora di più l'intesa. Le reti sono state realizzate da Pandev (doppietta), Kolarov su punizione, Mauri, Zarate ed una doppietta anche della giovane promessa della primavera Ettore Mendicino. Zarate, che ha segnato un solo gol, ha illuminato il gioco con tocchi da vero fuoriclasse. Mauri prende confidenza come centro­campista offensivo. Me­ghni scuote la traversa da calcio piazzato. Foggia prende le misure.

Maurito segna un solo gol rispetto ai cinque d'esordio ma inventa, non perde un pallone, scatta e dribbla, si smarca con fa­cilità, fa le serpentine, scende sulla trequarti, fa l'assist-man, trova sempre una soluzione di gioco e si diverte coi pallonetti. D'accordo la prudenza, però il vino non si scambia facil­mente con l'acqua. Scossa di fatica la secon­da Lazio non si è fatta sor­prendere pure se i carichi di lavoro, a sette giorni dall'inizio del ritiro, si son fat­ti sentire. Primo tempo combattuto e falloso, gam­be più imballate, locali predisposti alla sofferenza e al sacrificio. Giocano in Seconda Categoria, hanno piazzato l'assessore allo Sport Enrico Zandegiaco­mo su Pandev(!) e hanno lottato come leoni. Rossi ha fatto il rimpasto mantenendo inal­terato il 3-5-2. La difesa l'­ha composta con Cribari centrale perché Rozehnal e Tuia erano affaticati. Sivi­glia e Radu si sono piazza­ti ai fianchi: il romeno al debutto aveva giocato solo il secondo tempo con le "ri­serve". Delio ha conferma­to il centrocampo inseren­do però inizialmente Mau­ri al posto di Meghni.

E Stefano l'ha ripagato rea­lizzando un gol (il terzo), prendendo un palo e pro­ponendo inserimenti conti­nui. Una propensione che può essere un'arma in più. Pandev e Zarate si sono di­vertiti. Si cercano e si tro­vano: al 10' l'argentino ha servito al macedone l'assist dell'1-0. E al 39' Pandev ha fatto lo show: 30 metri di corsa, pallonetto sul portiere e gol da incorniciare. Poi Mauri­to si è ripreso la platea: stop al limite dell'area e destro millimetrico nel­l'angolino. Nel secondo tempo spazio all'altro fan­tasioso, Meghni. Traversa su punizione e ribattuta vincente del giovane Men­dicino che poi ha concesso il bis.


Dalla Gazzetta dello Sport:

Rossi ha scelto e insiste col 3-5-2. Doppio Pandev. Sette gol nell'amichevole contro l'Auronzo: due reti per il macedone e Mendicino. Seconda uscita stagionale e seconda scorpacciata di gol per la Lazio. Dopo gli 8 del debutto (contro una rappresentativa del Bellunese), i biancocelesti si sono fermati a sette contro l'Auronzo. Doppiette per Pandev e per il giovane Mendicino, in gol anche Zarate (uno solo dopo i 5 dell'esordio), Mauri e Kolarov. Rossi ha riproposto ancora il 3-5-2, segno che è ormai questo il modulo-base su cui lavora. Un sistema di gioco che, dopo appena una settimana di lavoro, i suoi uomini hanno mostrato di aver già digerito abbastanza bene. Pur appesantiti da una preparazione piuttosto dura, i biancocelesti hanno coperto il campo discretamente, mettendo in mostra un gioco piacevole. In attesa di test più attendibili.


Dal Corriereromano.it:

Continua la preparazione della Lazio di Delio Rossi ad Auronzo di Cadore, tra giocatori che arrivano ed altri che partono. Dopo la cessione a sorpresa del centrocampista belga Mudingayi, a lasciare i biancocelesti è anche il capitano, ormai ex, Luciano Zauri che ha trovato l'accordo con la Fiorentina, nonostante i ripetuti messaggi dei tifosi viola che non volevano il terzino ex Atalanta, a causa di una partita risalente al 2005 in cui Zauri salvò la porta biancoceleste con un colpo di mano senza essere visto dall'arbitro Rosetti. Il terzino Bonetto, tornato dal prestito al Bologna è stato nuovamente ceduto in prestito al Livorno in Serie B. Scelta poco apprezzata dal giocatore che ha apertamente dichiarato la sua poca stima nei confronti del tecnico laziale Rossi. Sempre in prestito se ne è andato pure il difensore Artipoli, destinaziona Modena. Per lui la chance di giocare con continuità e mostrare le sue qualità tecniche.

In entrata si segnala, oltre al già annunciato arrivo del terzino svizzero Lichtsteiner, dal Lilla, - nonostante qualche problema dell'ultima ora il trasferimento è praticamente fatto - che sostituirà Behrami (sempre più vicino al West Ham), anche l'arrivo in prestito con diritto di acquisto nella prossima stagione del centrocampista brasiliano Matuzalem dal Real Saragozza. Centrocampista di qualità e di esperienza, il sudamericano ha già avuto occasione di calcare i campi di Serie A con le maglie di Parma, Napoli e Brescia. Sicuramente un acquisto di valore per la Lazio. Lazio che ha sostenuto pure la seconda amichevole stagionale superando per 7 a 0 la rappresentativa dell'Auronzo. Su tutti ancora Zarate, che segna ed inventa, e Pandev autore di una doppietta, come il giovanissimo Mendicino. In rete anche Kolarov e Mauri (su cui nei giorni scorsi c'è stato un interessamento del Torino).