Domenica 22 luglio 2018 - Auronzo di Cadore, stadio Rodolfo Zandegiacomo - Top 11 Radio Club 103-Lazio 0-14


Stagione

Amichevole precedente - Amichevole successiva

22 luglio 2018 - Auronzo di Cadore (BL), Stadio Rodolfo Zandegiacomo - Amichevole - inizio ore 17.00


TOP 11 RADIO CLUB 103: Solagna, Moggiol, Dalpaos, Tolò, Frescura, Tancon, De Cian, Da Corte, Tasiu Mohamed, De Mattia, Aboubakar Kagiwa. A disposizone: Specia, Badji, Roccon, Zancolò, Caviola, Rexhaj, Buzzo Conin. Allenatore: Ben.

LAZIO: Proto (46' Adamonis), Wallace (46' Patric), Acerbi (46' Luiz Felipe), Radu (46' Bastos), Marusic (46' Basta), Parolo (46' Murgia), Leiva (46' Di Gennaro), Berisha (46' Cataldi), Lulic (46' Durmisi), Luis Alberto (46' Neto, 71' Jordao), Immobile (46' Caicedo, 71' Rossi). A disposizione: Strakosha, Guerrieri, Filippini, Lombardi, Minala, Sprocati. Allenatore: S. Inzaghi.

Arbitro: sig. Tesi (Lucca) - Assistenti sigg. Siboni e Panzardi.

Marcatori: 6' Parolo, 11' Immobile, 26' Immobile, 31' Berisha, 38' Luis Alberto, 42' Leiva, 45' Parolo, 46' Caicedo, 51' Neto, 65' Neto, 76' Rossi, 79' Rossi, 89' Cataldi, 90' Rossi.

Note: -

Spettatori: 1.000 circa.


La formazione biancoceleste con l'aquila Olimpia e Juan Bernabè
Le due formazioni in posa per il fotografo prima del fischio d'inizio
Marco Parolo
Foto Getty Images
Ciro Immobile
Foto Getty Images
Luis Alberto
Foto Getty Images
Felipe Caicedo
Foto Getty Images
Adam Marusic
Valon Berisha
Un breve articolo sulla gara tratto dalla Gazzetta dello Sport del 23 luglio 2018
La cronaca della gara sul Corriere dello Sport del 23 luglio 2018

La Gazzetta dello Sport titola: "Riecco Immobile. Conferma Rossi. Lazio in palla. L’ex Primavera continua a fare gol. Leiva: "Fare meglio dell’anno scorso".

Continua la "rosea": Lazio giostra del gol. Dopo le 20 segnate nel debutto, la squadra di Inzaghi ne rifila 14 (7 per tempo) alla selezione cadorina della Top 11 Radio Club 103, tradizionale avversaria nel ritiro veneto. Risplende, in particolare, la prova del primo tempo, quando in campo sono scesi tutti i big: anche Luis Alberto, ormai a tempo pieno dopo il lavoro differenziato dei giorni scorsi e subito a suo agio nel gioco d’attacco, firmando pure un gol. Alla sua prima stagionale, Immobile lascia subito il segno: una doppietta da applausi e un palo. Due reti (e una traversa) anche per Parolo, che era rimasto a riposo contro l’Auronzo. In gol Berisha, al debutto in biancoceleste: il centrocampista ex Salisburgo si è fatto notare anche nelle trame offensive. Nella ripresa, è salito in cattedra Rossi, subentrato a metà tempo a Neto (due gol). L’ex bomber della Primavera ha realizzato una tripletta dopo i sette gol di mercoledì.

In evidenza sulle fasce Marusic e Durmisi, che è stato impegnato nella ripresa, quando con l’ingresso di Jordao Cataldi è stato spostato nel ruolo di trequartista. Out Strakosha, causa fastidi alla schiena. Ha colpito pure Lucas Leiva: al 42’ p.t. ha chiuso a rete una delle azioni più belle confezionate dai biancocelesti. "Lo scorso anno nessuno si aspettava la Lazio così in alto, ma ora vogliamo fare di più", ha dichiarato il centrocampista brasiliano. "Rammarico Champions? Abbiamo fatto gli stessi punti dell’Inter - ha spiegato Leiva -, ma dovevamo prendere qualche gol in meno... Una squadra come la Lazio deve pensare sempre alle prime posizioni. Milinkovic? Spero che faccia un’altra grande stagione con noi".


Il Corriere dello Sport titola: "Ciro, che spettacolo. Due gol e un colpo di tacco volante: super Immobile. Berisha segna subito alla prima, bene Neto, tripletta di Rossi. E’ finita 14-0 l’amichevole tra la Lazio e la Top 11 Radio Club 103".

Prosegue il quotidiano sportivo romano: Ciro d’estate, è sempre da copertina: due gol, un tacco volante finito fuori d’un soffio, gli scambi con Luis Alberto, il fiuto di cannoniere-razziatore, l’attacco della profondità, la voglia guerriera di far gol a tutti. Già prova colpi memorabili, ha lucidato la carabina. Lo vuole imitare il baby bomber Rossi, fa il piccolo Ciro: tripletta dopo il "settebello" di mercoledì, altri effetti speciali, 10 reti segnate in due partite. Era stato ceduto al Lucerna, il presidente Lotito l’ha fatto tornare di corsa ad Auronzo. Può strappare il posto di terza punta. Attorno a Immobile, nella seconda amichevole del precampionato, hanno rigiocato tutti i big, compresi Parolo (doppietta) e Radu, alla prima uscita erano stati risparmiati. Piano con gli strilli, è finita 14-0 contro la Top 11 Radio Club 103. E’ stato firmato un altro record di gol dopo quello siglato contro l’Auronzo (20-0). Le difese agevolano, si gioca contro sentinelle svagate e permissive.

Mai, però, la Lazio era stata così prolifica nei primi test estivi, per quanto facili facili. Ieri, a differenza di mercoledì, tra gli avversari (rappresentativa di Seconda e Terza categoria) c’era un portiere. S’è rivisto un Acerbi superbo, al di là degli attaccanti fin qui affrontati è un piacere ammirare i suoi movimenti, spicca al centro della difesa, è già leader: s’allena e gioca con la pipa in bocca, detta i tempi, guida i compagni, dà il via all’azione. Nel 3-5-1-1 ha esordito Berisha, un gol per il vichingo bipartisan. E’ partito da mezzala sinistra, al posto di Milinkovic. Accanto a lui c’erano Leiva (un gol) e Parolo. Sulle corsie del centrocampo a cinque salivano e scendevano Lulic (a sinistra) e Marusic (a destra). Berisha ha un passo di carica, digrigna i denti, ancheggia, è servizievole, s’infila negli spazi, sa giocare il pallone, lavora in copertura. Il secondo gol di Immobile, il 3-0 della partita, è nato dai piedi di Acerbi, è passato dai piedi di Berisha prima di arrivare a Ciro. Tre tocchi, vie centrali, tutto in verticale. Buoni i movimenti, non si può considerare altro. La presenza di Luis Alberto fa la differenza in quanto a gioco offensivo (per lui una splendida traversa).

Immobile è di nuovo a pieno regime, lo spagnolo ha rigiocato dopo l’infortunio di inizio maggio (certo, non è in condizione). Parolo è sciolto. Hanno brillato tutti gli uomini mancati nello sprint Champions. Sono sempre loro le colonne della Lazio di Inzaghi, che rimpianto non averli avuti nel finale. Simone ha risparmiato solo Strakosha tra i titolarissimi, è reduce da alcuni giorni di riposo. E’ partito con Wallace, Acerbi e Radu in difesa. Al brasiliano e a Bastos è stata data un’altra chance, potrebbero restare. Ma il posto, a destra, lo avrà Luiz Felipe per quanto venga sempre utilizzato da vice Acerbi nelle prove difensive. E si attende il rientro di Caceres. Ci si aspetta di più da Marusic, non deve solo marciare. E’ presto per valutare Durmisi, è indietro fisicamente. Nel secondo tempo spazio a Caicedo e Pedro Neto. Gol per l’ecuadoriano dopo un minuto, doppietta per il baby portoghese, sembra in crescita. Nuovi segnali da Cataldi (in gol). E’ concentrato, gioca da mezzala, ha chiuso da seconda punta, è ispirato. Vorrebbe restare, sta provando a riconquistare i tifosi. Non deve intristirsi Murgia, l’arrivo di Berisha gli toglie spazio. La Lazio, dopo alcuni anni, ha rindossato la maglia bandiera. Tutti i laziali la sentono "mia".


Il Corriere delle Alpi titola: "La Lazio segna gol a ripetizione: 34 in due gare - I biancocelesti non avevano mai segnato 14 gol alla Rappresentativa di Radio Club 103"

AURONZO. La Lazio non aveva mai segnato 14 gol alla Rappresentativa di Radio Club 103. Un altro record nel ritiro in Auronzo, che procede a gonfie vele. La squadra di Inzaghi si sta preparando al meglio per la prossima stagione e il clima è dei migliori. Tutti i giocatori, uno su tutti Lucas Leiva, che ha parlato a fine dell'amichevole, sottolineano come ci sia tanta serenità in ritiro.

Si lavora bene e l'affetto dei tifosi non manca. I biancocelesti sono sembrati già in buone condizioni fisiche, e i nuovi acquisti si stanno inserendo bene: Acerbi guida al meglio la linea difensiva, Berisha a centrocampo porta quella qualità e quella quantità necessaria per affrontare il campionato. Oltre alla buona prestazione di Parolo e di Immobile, si è distinto il giovane Pedro Neto autore di una doppietta. Sorprende anche Rossi, che segna una tripletta dopo i sette gol già realizzati mercoledì contro l'Auronzo. Il livello delle sfide aumenta gradualmente e il 28 luglio ci sarà big match, che è divenuto una consuetudine, contro la Spal. Sabato i biancocelesti faranno rientro a Roma e partirà il ritiro dei ferraresi.



La formazione del primo tempo: Wallace, Acerbi, Proto, Immobile, Lulic, Luis Alberto; Parolo, Marusic, Berisha, Lucas Leiva, Radu




<< Amichevole precedente Amichevole successiva >> Torna alla Stagione Torna ad inizio pagina