Storia del Campionato di Serie A 1959/60


Una formazione biancoceleste 1959/60
La Juventus Campione d'Italia 1959/60
Questo tabellino riporta 14 reti a Rozzoni e 5 a Bizzarri. In realtà Rozzoni segnò 13 reti e Bizzarri 4. Ciò è spiegabile con il fatto che sono stati attribuiti ai due giocatori goal che in realtà furono delle autoreti

Stagione

Storia del Campionato di Serie A 1958/59 - Storia del Campionato di Serie A 1960/61

Storia dei campionati


Il campionato 1959/60 fu vinto dalla Juventus. Furono retrocesse in serie B il Palermo, l'Alessandria ed il Genoa, mentre furono promosse in serie A il Torino, il Lecco ed il Catania. La Juventus vinse il massimo torneo totalizzando 55 punti, al secondo posto finì la Fiorentina con 47 punti ed al terzo il Milan con 44. La Lazio ottenne il dodicesimo posto in classifica con 30 punti, gli stessi della stagione precedente, e fu artefice di una stagione deludente e priva di soddisfazioni. Nelle prime quattro giornate i biancocelesti rimasero imbattuti ottenendo due vittorie e due pareggi uno dei quali a Milano con l'Inter. Alla quinta giornata la Roma inflisse una dura sconfitta (3-0) alla Lazio, mentre nel turno successivo fu la Juventus a violare l'Olimpico. Dopo tre scialbi pareggi la Lazio vinse per 3-1 contro la Sampdoria, ma già la domenica successiva la Fiorentina travolse i romani con un netto 5-0. Alla tredicesima giornata fu il Milan a portarsi via i due punti dall'Olimpico. Poi ancora due pareggi, una sconfitta a Padova e nell'ultima giornata una vittoria incoraggiante per 2-0 in casa contro l'Alessandria. Nel girone d'andata la Lazio conquistò, quindi, sedici punti.

Le prime sei giornate del girone di ritorno fecero registrare sei sconfitte, tra cui quella interna per 0-1 nel derby. I biancocelesti tornarano alla vittoria per 2-1 con il Napoli. Seguirono poi un pareggio a Bergamo con l'Atalanta ed una vittoria in casa ancora per 2-1 con il Palermo. Il 17 aprile 1960 la Lazio incassò quattro reti a Genova dalla Sampdoria. La giornata successiva impose il pareggio per 2-2 alla forte Fiorentina e confermò sintomi di ripresa piegando 3-1 la Spal. Nelle ultime cinque giornate la squadra ottenne due vittorie, due pareggi ed una sconfitta. Il reparto d'attacco laziale deluse profondamente segnando soltanto 32 reti, la Juventus campione ne mise a segno 92, mentre la difesa subì 45 reti. Il miglior marcatore laziale fu Orlando Rozzoni che segnò 13 goal; molto distanziato il secondo, Claudio Bizzarri, che segnò 4 reti. Humberto Tozzi, il protagonista del campionato precedente, segnò solo 2 reti. Bruno Franzini e Francesco Janich, con 33 partite giocate, furono i più presenti. Franco Carradori e Maurilio Prini scesero in campo 27 volte, seguiti da Giovanni Molino con 26, da Idilio Cei e Rozzoni con 25.


La classifica finale della stagione 1959/60




Stagione << Storia del Campionato di Serie A 1958/59 Storia del Campionato di Serie A 1960/61 >> Storia dei campionati Torna ad inizio pagina