Pagina di Prova



LazioWiki, dal 2007, è il primo sito enciclopedico online sulla Storia della S.S. Lazio


Accadde oggi...


QUESTA PAGINA E' A DISPOSIZIONE DI TUTTI I NEOFITI DI LAZIOWIKI PER IMPARARE A POSTARE ED ALLENARSI. FATENE BUON USO, POTETE MODIFICARLA A VOSTRO PIACERE.

Prova per l'orario...

ESEMPIO 1, COME FARE TABELLINO E CRONACA:


Stagione 2008/2009

Turno precedente - Turno successivo

6 febbraio 2000 - 2879 - Campionato di Serie A 1999/00 - XX giornata - calcio d'inizio ore 15.00

TORINO: Pastine, Bonomi, Grandoni, Galante, Jurcic, Brambilla, Pecchia (72' Maltagliati), Lentini, Sommese, Ferrante, Scarlato (46' Ivic). A disposizione: Nista, Minotti, Ficcadenti, Coco, Tricarico. All. Mondonico.

LAZIO: Orsi Negro, Nesta, Mihajlovic, Pancaro, Stankovic, Sensini (77' Almeyda), Simeone, Nedved (73' Mancini), S.Inzaghi (58' Ravanelli), Salas. A disposizione: Ballotta, Gottardi, Couto, Lombardo. All. Eriksson.

Arbitro: Sig. Pellegrino di Barcellona Pozzo di Gotto (Guardalinee: Mazzei e Farneti - Quarto uomo: Tagliafico).

Marcatori: 8' Sensini, 53' Mihajlovic (rig), 65' Ravanelli, 81' Ferrante (rig), 89' Galante, 91' Salas.

Note: giornata plumbea con leggera nebbia, terreno in buone condizioni. Ammoniti Bonomi, Ferrante, Nedved e Marchegiani. Espulso Mihajlovic all'80' per aver dato una gomitata in faccia a Ferrante. Recupero 1' p.t., 4' s.t. angoli 3-2 per il Torino.

Spettatori: 19.016 di cui 13.233 abbonati e 5.783 paganti. Incasso £. 542.803.200.


Inzaghi prova il tiro
Sensini, tra i migliori in campo

I biancazzurri scendono in campo conoscendo il risultato della Juventus che il giorno prima non era andata oltre il pareggio con l'Udinese. I laziali partono subito all'attacco e già al 8' passano in vantaggio con un colpo di testa di Nestor Sensini abile a sfruttare un cross di Mihajlovic. La Lazio prova subito a raddoppiare ma le azioni non sono lineari ed il primo tempo si chiude fra gli sbadigli.

La ripresa invece ha un avvio subito scintillante. Al 53' è Mihajlovic a trovare la via del raddoppio realizzando un rigore concesso per fallo di Pastine su Simone Inzaghi. Un quarto d'ora dopo è Ravanelli a siglare la terza rete con uno spettacolare colpo di testa. La gara sembra chiusa ma all'80' i biancazzurri rimangono in 10 per l'espulsione di Mihajlovic causata una gomitata in area ad un avversario. Il conseguente penalty è realizzato con freddezza da Ferrante. I granata attaccano mettendo così alle corde la Lazio, che capitola una seconda volta all'89', quando Galante raccoglie un pallone in area ed insacca.

Fortunatamente due minuti dopo ci pensa Salas, su assist di Ravanelli, a siglare la rete della sicurezza. Una vittoria, in bilico fino all'ultimo, che consente alla Lazio di riportarsi in testa alla classifica con 42 punti, seguita ad un punto dalla Juventus, mentre Milan e Roma seguono a 38. La rincorsa allo scudetto è appena cominciata!



ESEMPIO 2 BIOGRAFIE:


Alessandro Abbondanza
Abbondanza in azione

Centrocampista, nato a Napoli l'8 gennaio 1949

Cresciuto nel Napoli, arriva alla Lazio nella stagione 1971/72. Contribuisce con 7 reti alla promozione in Serie A, poi torna al Napoli, soprattutto perché non gradito da Chinaglia con cui non ha molto feeling.

Presenze in campionato: 25, reti: 7. Presenze in Coppa Italia: 5, reti: 0.




ESEMPIO 3 FATTO DI CRONACA:


La notizia riportata dal Corsport

Sabato 2 aprile 2005, alle ore 21:37, veniva a mancare il Santo Padre Giovanni Paolo II. Profonda commozione suscitò la notizia della morte dell'amato Pontefice. La Federazione, d'accordo con le autorità, comunicò il rinvio di ogni gara di campionato di qualsiasi serie in segno di lutto e rispetto per l'evento e anche per facilitare l'operato delle forze dell'ordine impegnate nelle zone limitrofe al Vaticano dove stazionavano migliaia di fedeli accorsi a rendere l'ultimo saluto al Papa polacco. Tutto il campionato slittava quindi di una giornata.




Tommaso Rocchi

Pasquale Foggia

Angelo Peruzzi




La Lazio vince il suo primo scudetto il 12 maggio 1974. La Lazio vince il suo secondo scudetto il 14 maggio 2000.

Il 14/05 dell'anno 2000 la Lazio vince lo Scudetto 1999/2000.


Eliseu



Blocco di commenti inseriti per prova (questa e' una cosiddetta 'intestazione di 2° livello')

Dopo la il nome di Eliseu ci sono delle piccole prove di scrittura (potrebbe servire anche come memorandum). Sono prove che non rispettano gli standard di LW ma sono prove sull'utilizzo del linguaggio. Ora provo ad inserire una linea orizzontale sotto a queste prove (la parola "orizzontale" e' scritta in grassetto", la parola "prove" e' scritta in corsivo e la parola "inserire" e' scritta con entrambi gli attributi). Giuseppe Signori e' stato uno dei giocatori (forse l'unico) per cui la maggior parte della tifoseria e' "scesa in piazza" per scongiurarne la cessione (cessione poi momentaneamente evitata). Google e' uno dei motori di ricerca piu' utilizzati al mondo. Prove dei colori: Red, Blue, Green, Yellow, Grey, Orange.

Stefano Mauri
Stefano Mauri
S.Mauri

Ho quindi provato: 1) - il grassetto con 3 apici, 2) - il corsivo con 2, 3) - corsivo-grassetto con 5, 4) - il link a pagine interne di LW (tra parentesi quadre doppie: prima il titolo esatto della pagina e poi la parola che risultera' blu e sottolineata, separate dalla linea verticale; se sono uguali si mette solo il 1° parametro), 5) - il link a pagine esterne (tra parentesi quadre singole: prima l'indirizzo completo URL e poi la parola che risulera' colorata e sottolineata, separate da uno blank; se sono uguali si mette solo il 1° parametro), 6) - la creazione di intestazioni di 2° livello (creano automaticamente una linea orizzontale), 7) - la sintassi dell'attributo 'font color' anche se non credo sia usata all'interno di LW, 8) - la struttura di semplici elenchi (asterisco = pallino), 9) - come mostrare una piccola immagine in un elenco e regolarne la grandezza in px, 10) - come regolare la grandezza in px di una anteprima di una foto da mostrare a dx o a sx di un testo (anche se sono disposte male graficamente), .... ho fatto ANTEPRIMA mille volte prima di salvare ...



Edit by GRC - 02/09/2011 per Bruno65

Per ottenere particolari effetti sul testo è possibile utilizzare anche la sintassi HTML (più semplice da gestire - IMHO):


  • Testo in grassetto: Questo testo lo vedo in grassetto
  • Testo in corsivo: Questo testo lo vedo in corsivo
  • Testo in grassetto-corsivo: Questo testo lo vedo in grassetto-corsivo
  • Testo sottolineato: Questo testo lo vedo sottolineato


Come si ottengono questi effetti? Guarda il seguente codice ed i tag utilizzati sia in apertura che in chiusura. Puoi anche divertirti ad utilizzare le combinazioni possibili dei tag ma ricordati SEMPRE che ogni tag aperto va poi chiuso.



* Testo in grassetto:         <b> qui il tuo testo in grassetto </b>

* Testo in corsivo:           <i> qui il tuo testo in corsivo <i>

* Testo in grassetto-corsivo: <b> <i> qui il tuo testo in grassetto-corsivo </i> </b>

* Testo sottolineato:         <u> qui il tuo testo sottolineato </u>

<b> = bold; <i> = italic; <u>=underscored.


Prova template "Ultima gara" by Giulio C. - 30/01/2012


► Con riquadro dedicato:


Ultima gara

Sab 29 feb 2020
ore 15.00
Serie A
XXVI giornata
Lazio-Bologna 2-0
Vai alla gara...
I precedenti




► Prossima gara:

Prossima gara

Campionato sospeso
-
-
-
-




In orizzontale con template dedicato:

Ultima gara:



Prova nuovo layout per scheda Avversarie - Edit by GRC - 21/02/2012


Pallone.jpg Alba - Le gare disputate contro l'Alba
Alessandria.jpg Alessandria - Le gare disputate contro l'Alessandria
Ancona.jpg Ancona - Le gare disputate contro l'Ancona



Logo Anderlecht.jpg Anderlecht - Le gare
Pallone.jpg Arsenal - Le gare
Ascoli.jpg Ascoli - Le gare
Atalanta.jpg Atalanta - Le gare
Atlético Osasuna.jpg Atlético Osasuna - Le gare
Logo Avellino 2.jpg Avellino - Le gare


Prova nuovo layout anno

Data Competizione Giornata/Turno Gara
8 gennaio Serie A XVII giornata Siena, stadio Artemio Franchi - Siena-Lazio 4-0
10 gennaio Coppa Italia Ottavi Roma, stadio Olimpico - Lazio-Hellas Verona 3-2
15 gennaio Serie A XVIII Roma, stadio Olimpico - Lazio-Atalanta 2-0
22 gennaio Serie A XIX Milano, stadio Giuseppe Meazza - Inter-Lazio 2-1
26 gennaio Coppa Italia Quarti Milano, stadio Giuseppe Meazza - Milan-Lazio 3-1
29 gennaio Serie A XX Verona, stadio M.Bentegodi - Chievo Verona-Lazio 0-3
1 febbraio Serie A XXI Roma, stadio Olimpico - Lazio-Milan 2-0
5 febbraio Serie A XXII Genova, stadio L. Ferraris - Genoa-Lazio 3-2
9 febbraio Serie A XXIII Roma, stadio Olimpico - Lazio-Cesena 3-2
16 febbraio Europa League Sedicesimi, andata Roma, stadio Olimpico - Lazio-Atletico Madrid 1-3
19 febbraio Serie A XXIV Palermo, stadio Renzo Barbera - Palermo-Lazio 5-1
23 febbraio Europa League Sedicesimi, ritorno Madrid, stadio Vicente Calderón - Atletico Madrid-Lazio 1-0
26 febbraio Serie A XXV Roma, stadio Olimpico - Lazio-Fiorentina 1-0
4 marzo Serie A XXVI Roma, stadio Olimpico - Roma-Lazio 1-2
11 marzo Serie A XXVII Roma, stadio Olimpico - Lazio-Bologna 1-3
18 marzo Serie A XXVIII Catania, stadio Angelo Massimino - Catania-Lazio 1-0
25 marzo Serie A XXIX Roma, stadio Olimpico - Lazio-Cagliari 1-0


Prova rollover-slide immagini by GRC 08/05/2012



Galleria di immagini sulle reti della gara
► Libor Kozak sblocca il risultato
► La splendida rete di Lorik Cana
=================

PROVA INTEGRAZIONE COMBOBOX PER NUOVA TIPOLOGIA DI ALMANACCO

Oggi 28 marzo accadde (gli eventi sono in fase di aggiornamento continuo):


► Gli incontri disputati in data odierna


► Le biografie dei personaggi legati al Sodalizio biancoceleste


► Gli altri personaggi


► Gli eventi di cronaca

Extension:DynamicPageList (DPL), version 2.3.0 : ATTENZIONE: Nessun risultato.



Giorno: Mese:



Torna ad inizio pagina



AREA SPERIMENTALE PER L'UTENTE STEFACI.

Esempio di linkaggio di un'immagine:

Luigi Bigiarelli, Fondatore della Società Podistica Lazio

La sintassi usata per linkare questa immagine è la seguente:


[[Immagine:Bigiarelli2.jpg|thumb|left|200px|Luigi Bigiarelli, Fondatore della Società Podistica Lazio]]

La sintassi utilizzata nell'esempio in dettaglio:

  • Bigiarelli2.jpg: è il nome del file;
  • thumb: crea il riquadro intorno l'immagine;
  • left: allinea la foto alla sinistra della scheda;
  • 200px: il dimensionamento che si desidera visualizzare nella scheda. L'utente, tuttavia, cliccando sull'immagine potrà visualizzarla nel massimo dimensionamento caricato.




03gen71.jpg

Immagine di Prova



Giancarlo Costa

"Volevo solo segnare dei gol". Dopo una partita vista assieme, Giancarlo Costa da la stura ai ricordi. Lazialissimo, mi dice, con enfasi, quello che tutti sospettavamo, e cioè che quando si gioca a pallone è il raggiungimento dell'obiettivo che conta. Assieme alla squadra, certo, ma anche - diremmo soprattutto per gli attaccanti - da soli. Tanto che (all'epoca si poteva) accettò la serie D con l'INA pur di giocare sempre titolare con la sua maglia n. 7 e.... segnare. E' commovente sentire un uomo di quasi 80 anni citare partite e statistiche quasi come Inzaghi, segno che la bellezza di questo gioco prescinde dal livello cui si gioca.

Giancarlo Costa

Berisha







Stagione 2014/2015

Turno precedente - Turno successivo

12 aprile 2015 - Campionato di Serie A 2014/15 - XXX giornata - calcio d'inizio ore 15.00

LAZIO: Berisha Cavanda, de Vrij (40' Novaretti), Cana, Lulic, Biglia, Parolo (79' Cataldi), Candreva, Mauri, Felipe Anderson, Klose (60' Ciani). A disposizione: Strakosha, Guerrieri, Braafheid, Pereirinha, Ledesma. Onazi, Ederson, Keita, Perea. All. Pioli.

EMPOLI: Sepe, Hysaj, Tonelli, Rugani, Mario Rui (66' Laurini), Vecino (55' Signorelli), Valdifiori, Croce (46' Zielinski), Saponara, Maccarone, Pucciarelli. A disposizione: Pugliesi, Bassi, Somma, Barba, Dioussé, Brillante, Tavano, Mchedlize. Allenatore: Sarri - in panchina Calzola per squalifica del tecnico titolare.

Arbitro: Sig. Peruzzo di Schio (Guardalinee: Sigg. Preti e Posado - Quarto uomo: Sig. Costanzo - Assistenti di Porta: Sigg. Banti e Roca).

Marcatori: 4' Mauri, 13' Klose, 44' Candreva, 53' Felipe Anderson.

Note: espulso al 58' Novaretti per doppia ammonizione (entrambe per gioco scorretto, la prima al 46'). Ammoniti Klose (55'), Cana (75') e Cavanda (81') per gioco scorretto. Angoli: 3-7. Recuperi: 3' p.t., 3' s.t.

Spettatori: 50.000 circa. E sono otto! Contro l’Empoli, contro cui la Lazio proveniva da una mini serie negativa (tre partite senza vittoria), i biancocelesti inanellano l’ottava vittoria consecutiva nel campionato 2014/15 e Pioli può così entrare di diritto nell’empireo degli allenatori Biancocelesti, quarto mister ad aver raggiunto le otto vittorie di fila, dopo Maestrelli, Eriksson (che arrivò a nove) e Delio Rossi. La ciliegina sulla torta è il sorpasso in classifica sui cugini, fermati nella stessa giornata sul pareggio a Torino, sponda granata.

Klose esulta dopo il 2-0

La Lazio deve rinunciare a quasi tutta la difesa titolare (de Vrij unico superstite), l’Empoli al suo allenatore Sarri, squalificato. Un Olimpico finalmente pieno (circa 50.000 presenze) accompagna l’ingresso delle squadre. Pronti via e la Lazio passa in vantaggio: al 4’ un cross di Cavanda vede pronta la testa di Mauri per l’1-0. I toscani, che avevano impostato una partita di contenimento, devono rivedere tutti i piani.

Il Bolide di Candreva

I biancocelesti sono però inarrestabili: e quando al 31’ Klose raddoppia (sempre di testa, sempre su cross di Cavanda) sembra quasi la risoluzione di un’equazione matematica, tanto era inevitabile il gol.

Felipe Anderson dopo il gol

Purtroppo, dopo 10’, anche (de Vrij però deve abbandonare il campo: distrazione al ginocchio ed ingresso di Novaretti: difesa completamente inedita per il mister Pioli. Ma lo spettacolo continua: tre minuti dopo, un bolide di Candreva regala il 3-0 ai colori biancocelesti, ponendo di fatto termine alla partita con un tempo di anticipo.

Immagine di Prova

Tutto bene, dunque? Macché: nella ripresa, dopo la quaterna firmata Felipe Anderson, un secondo cartellino giallo, decisamente severo, comminato da Peruzzo all’indirizzo di Novaretti costringe la Lazio in 10, e dopo qualche minuto anche Parolo (costola incrinata per lui) deve lasciare il campo, sostituito da Cataldi.

Mentre i tifosi sembrano più attenti a ciò che succede lontano dall’Olimpico (il pareggio del Torino è accolto con un boato che avrà dato l’impressione a chi era fuori di un quinto gol), i toscani provano, con determinazione, non tanto a riaprire una partita già chiusa quanto a dare testimonianza della loro presenza in campo, non solo come sparring partner di una squadra virtualmente perfetta. Ma Berisha sfodera una prestazione maiuscola, e Maccarone che ha nella Lazio il suo bersaglio preferito (cinque centri in carriera) rimane stavolta a bocca asciutta.

La partita termina qui ed è festa grande. Alla Juventus, ed all’emergenza in difesa, ci si penserà da lunedì


Per CESARE - Edit by GRC 16/06/2015

Ecco il modo corretto di presentare il tabellino di cui sopra secondo lo standard approvato:


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

12 aprile 2015 - Campionato di Serie A - XXX giornata - inizio ore 15.00

LAZIO: Berisha Cavanda, de Vrij (40' Novaretti), Cana, Lulic, Biglia, Parolo (79' Cataldi), Candreva, Mauri, Felipe Anderson, Klose (60' Ciani). A disposizione: Strakosha, Guerrieri, Braafheid, Pereirinha, Ledesma. Onazi, Ederson, Keita, Perea. Allenatore: Pioli.

EMPOLI: Sepe, Hysaj, Tonelli, Rugani, Mario Rui (66' Laurini), Vecino (55' Signorelli), Valdifiori, Croce (46' Zielinski), Saponara, Maccarone, Pucciarelli. A disposizione: Pugliesi, Bassi, Somma, Barba, Dioussé, Brillante, Tavano, Mchedlize. Allenatore: Sarri - in panchina Calzola per squalifica del tecnico titolare.

Arbitro: Sig. Peruzzo (Schio - VI) - Guardalinee Sigg. Preti e Posado - Quarto uomo Sig. Costanzo - Assistenti di porta: Sigg. Banti e Roca.

Marcatori: 4' Mauri, 13' Klose, 44' Candreva, 53' Felipe Anderson.

Note: espulso al 58' Novaretti per doppia ammonizione (entrambe per gioco scorretto, la prima al 46'). Ammoniti Klose (55'), Cana (75') e Cavanda (81') per gioco scorretto. Angoli: 3-7. Recuperi: 3' p.t., 3' s.t.

Spettatori: 50.000 circa.


Klose esulta dopo il 2-0
Foto xxx
Il bolide di Candreva
Foto xxx
Felipe Anderson dopo il gol
Foto xxx
Immagine di prova
Foto xxx

E sono otto! Contro l’Empoli, contro cui la Lazio proveniva da una mini serie negativa (tre partite senza vittoria), i biancocelesti inanellano l’ottava vittoria consecutiva nel campionato 2014/15 e Pioli può così entrare di diritto nell’empireo degli allenatori Biancocelesti, quarto mister ad aver raggiunto le otto vittorie di fila, dopo Maestrelli, Eriksson (che arrivò a nove) e Delio Rossi. La ciliegina sulla torta è il sorpasso in classifica sui cugini, fermati nella stessa giornata sul pareggio a Torino, sponda granata. La Lazio deve rinunciare a quasi tutta la difesa titolare (de Vrij unico superstite), l’Empoli al suo allenatore Sarri, squalificato. Un Olimpico finalmente pieno (circa 50.000 presenze) accompagna l’ingresso delle squadre. Pronti via e la Lazio passa in vantaggio: al 4’ un cross di Cavanda vede pronta la testa di Mauri per l’1-0. I toscani, che avevano impostato una partita di contenimento, devono rivedere tutti i piani. I biancocelesti sono però inarrestabili: e quando al 31’ Klose raddoppia (sempre di testa, sempre su cross di Cavanda) sembra quasi la risoluzione di un’equazione matematica, tanto era inevitabile il gol.

Purtroppo, dopo 10’, anche (de Vrij però deve abbandonare il campo: distrazione al ginocchio ed ingresso di Novaretti: difesa completamente inedita per il mister Pioli. Ma lo spettacolo continua: tre minuti dopo, un bolide di Candreva regala il 3-0 ai colori biancocelesti, ponendo di fatto termine alla partita con un tempo di anticipo. Tutto bene, dunque? Macché: nella ripresa, dopo la quaterna firmata Felipe Anderson, un secondo cartellino giallo, decisamente severo, comminato da Peruzzo all’indirizzo di Novaretti costringe la Lazio in 10, e dopo qualche minuto anche Parolo (costola incrinata per lui) deve lasciare il campo, sostituito da Cataldi. Mentre i tifosi sembrano più attenti a ciò che succede lontano dall’Olimpico (il pareggio del Torino è accolto con un boato che avrà dato l’impressione a chi era fuori di un quinto gol), i toscani provano, con determinazione, non tanto a riaprire una partita già chiusa quanto a dare testimonianza della loro presenza in campo, non solo come sparring partner di una squadra virtualmente perfetta. Ma Berisha sfodera una prestazione maiuscola, e Maccarone che ha nella Lazio il suo bersaglio preferito (cinque centri in carriera) rimane stavolta a bocca asciutta. La partita termina qui ed è festa grande. Alla Juventus, ed all’emergenza in difesa, ci si penserà da lunedì.